dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« Accessibilità secondo Google e secondo la UE  | Main | Facebook nei guai? » 

Mondo Bot

Siamo circondati ed anzi sempre più spesso governati da intelligenze artificiali: forse è arrivato il momento di rendersene conto.

L'impatto di !algoritmi ed intelligenza artificiale nella nostra società sarà sempre più dirompente. Nella quotidianità digitale lo stiamo subendo da tempo con i fenomeni di !top-ranking per motori di ricerca ed e-commerce e di !filter bubble per i social network e navigazioni Web. Ma è a livello geo-politico che i giochi stanno per farsi pesanti con indubbie ripercussioni economiche e sociali: lo stretto oligopolio delle Big del digitale (che solo ad Oriente stanno trovando accaniti competitor) sta sempre più innervosendo l'Europa.

Le recenti affermazioni della cancelliera Merkel contro lo strapotere degli algoritmi di Google e Facebook non sono solo legittime e condivise preoccupazioni sull'impatto degli algoritmi nella società oramai digitale ma soprattutto tradiscono il forte timore sull'impatto che la grande ondata di automatizzazione avrà sull'industria automobilistica con le !self driven cars (oramai imminente). Così come il successo di Trump ha decretato il definitivo tramonto dei media tradizionali (vincono i contenuti magari provocatori e diffusi a mezzo social piuttosto che le alleanze d'acciaio con giornali e tv) così l'utilizzo di un mezzo così popolare ma sempre meno ambito dai giovani e sempre più pericoloso come l'automobile sancirà in pochi anni la definitiva affermazione dei robot nella società civile (nelle aziende si stanno già affermando nel quasi totale disinteresse di sindacati e forze politiche con evidenti perdite di posti di lavoro in moltissimi settori a cominciare dai call-center).

Nel frattempo sono i !Bot e l'!Intelligenza Artificiale (in inglese !AI) che stanno spopolando in Rete grazie ad un utilizzo sempre più naturale e disinvolto di browser app per smartphone e motori di ricerca che ci mettono in contatto con automatismi intelligenti per le funzionalità più varie: questo non è uno scenario bizzarro e futuribile ma è già realtà con assistenti vocali digitali come Siri che addirittura arrivano a diventare oggetto di attenzione da matrimonio oppure un servizio di chat per mariti in cerca di avventure che in realtà si scopre essere gestito da cosiddette fembot (esempi che tirano in causa il piano dell'emotività sono quanto meno opportuni per far capire la rivoluzione di umanizzazione di certa tecnologia digitale...)

Non solo i !Big Data vengono sempre più elaborati efficacemente da sistemi di intelligenza artificiale anche tramite meccanismi di !Pattern Recognition ma ci troviamo sempre più spesso nella condizione di comunicare-dialogare (chat) con qualcuno che potrebbe essere qualcosa ed ecco perché emerge la necessità di prendere in considerazione il decalogo Helo Bot! per capire con chi o cosa abbiamo a che fare e come eventualmente dialogare-interagire efficacemente con un bot online.

Decalogo-helo-bot

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 11 di novembre 2016
Permalink

Pubblicità

Commenti