dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« giugno 2016 | Main | agosto 2016 »

Condividere non fa rima con memorizzare

Il Web ma soprattutto i social sembrano fatti apposta per dimenticare ma quali effetti sociologici possono esserci a seguito di questo fenomeno?

Che si sia turisti in vacanza o cittadini impegnati nella propria quotidianietà siamo sempre a condividere e chattare e se questo ci permette di essere molto attivi comunicativamente e decisamente super-relazionali tutto ciò sta modificando la percezione e l'attitudine circa l'esigenza di memorizzare con effetti tutti ancora da valutare appieno.

Sicuramente l'effetto !filter-bubble può comportare un meccanismo relazionale intenso ma auto-referenziale verso i propri interessi e reti di contatti.

Altrettanto certa è l'inconsapevolezza su come cercare di salvaguardare i propri dati e i propri scritti sul Web.

Per finire, e forse è la questione più preoccupante, la costruzione del pensiero critico passa per meccanismi sì collettivi ma spesso dettati da atteggiamenti isterici e compulsivi raramente riflessivi e soppesati scientificamente o culturalmente.

Dopo la privacy, grazie ai social stiamo perdendo la memoria e la capaità di maturare un pensiero critico significativo con effetti sociali devastanti a medio e lungo termine: di questo ed altro se ne parla in un festival culturale in Lunigiana.

Guida-social

 

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 28 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

Le smart city dove meno te le aspetti

Internet delle cose applicate ai Big Data in trasparenza (Open) ecco cosa si riesce a sperimentare anche fuori dagli ambiti istituzionali.

Se si dice !smart city in combinazione con Firenze magari si può pensare a qualche fantasmagorica app pensata per aiutare il turista di turno con l'ennesima guida ed invece stavolta l'!Internet delle cose viene per così dire dal basso con un progetto pensato per monitorare l'aria dell'area metropolitana fiorentina ma adatto per qualsiasi altra area cittadina.

Approccio !OpenSource che produce !Big Data per monitorare e capire letteralmente che aria tira!

Che-aria-tira

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 28 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

La mappa fai da te per viaggi 'aumentati

Il geoposizionamento (gps in testa) consente degli utilizzi innovativi e divertente soprattutto per l'utente viaggiatore (siamo o non siamo in estate e in #vacanza? ;) a cominciare dalle cosiddette !custom maps.

Pokemon Go docet la realtà aumentata sta catturando l'attenzione di noi #viaggiatori ed #escursionisti necessariamente valorizzata dal nostro geoposizionamento (tramite !gps od altre opportunità).

Una delle opportunità più intriganti è quella fornita dalle cosiddette !custom maps grazie alle quali è possibile muoversi all'interno di una mappa-cartina-foto da noi acquisita o prodotta (pensate ad una mappa antica, tematica o addirittura un paesaggio fotografato) esattamente come se si fosse all'interno di una google maps.

Opportunità sotto forma anche di app per viaggiatori realizzare una custom map è semplicissimo: basta acquisire l'immagine, far coincidere tre punti della medesima con un'equivalente prospettiva di G maps ed etvoila' ecco che siamo in grado di muoverci in territorio-mappa sapendo esattamente dove siamo posizionati momento-per-momento.

Buona caccia al tesoro!

p.s.
quale che sia il vostro personalissimo tesoro magari anche solo la curiosità e la voglia di sperimentare-giocare od esplorare il territorio che vi circonda ;)

Custom-maps

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 25 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

Vacanze intelligenti?

Si riversano sul Web proposte di vacanze sempre più varie ma anche si affermano nuovi stili di vita e quindi anche di vacanza sempre più legati al digitale e alle sue innovazioni.

E' arrivata l'estate e si moltiplicano sul Web le proposte di vacanza: il Bel Paese si offre ai viaggiatori di tutto il mondo inventandosi sempre più tourist guide magari mettendo ben in evidenza il Made in Italy o addirittura in alcuni casi offrendo delle esperienze dal vivo su come viene realizzato un prodotto artigianale made in Tuscany. Insomma le idee non mancano per scorrazzare nel Bel Paese in lungo e in largo ma la vera novità è come i turisti e le persone in genere stanno vivendo il periodo e il momento vacanziero anche in conseguenza della rivoluzione degli stili di vita dovuta al digitale. L'esempio più eclatante? Frotte di ragazzini (e in ore notturne si alza l'età degli interessati... ;) che si inventano improbabili escursioni in ogni-dove compresi angoli meravigliosi ma anche punti ameni sempre e comunque smartphone in mano e contribuendo a questa buffa caccia al tesoro di dimensione globale marcata pokemon go. Ma se la realtà aumentata è così entrata gioiosamente nel nostro quotidiano (quanto meno vacanziero) è l'intelligenza artificiale ad affacciarsi nei nostri stili di vita ed è di nuovo il momento della vacanza ovvero il momento del tempo libero, quello considerato meno importante ma che viceversa proprio per il suo carattere di alterità può indurre cambiamenti di costume importanti. La mania dei selfie anche nella stagione estiva 2016 imperversa ma più in generale vengono realizzate spasmodicamente sempre più foto sempre più esibizione (social) e ricordo della vacanza che si vive e che grazie ai sistemi intelligenti digitali vengono realizzate con messe a fuoco automatica, tagging dei volti delle persone riprese e addirittura organizzazione e ricerca delle foto dei viaggi in base a ciò che le foto rappresentano come soggetto inquadrato. Vacanze sempre più teleguidate dai sistemi intelligenti dunque? Bah forse... e in ogni caso cerchiamo di mantenere un minimo di autonomia su dove e con chi (ah! i social...) andare in vacanza... ;)

Tourists-in-Italy

 

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 23 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

Qwant si allinea alla moda no-tracking

Il motore di ricerca francese punta sul no-tracking per acquisire nuovi utenti ma dovrebbe dimostrare ben altre innovazioni per intaccare l'audience di Super G e gli altri big della ricerca.

Qwant è un motore di ricerca sviluppato in Francia (e parzialmente anche in Germania) che gode di qualche investimento economico da parte della Banca europea per gli investimenti. Ha qualche pecca apparente fra cui una never-ending-page senza mostrare il numero dei risultati di ricerca ed anche qualche problema di rendering su qualche versione di Firefox. Eppure proprio per il browser Firefox esiste una versione speciale con Qwant incorporato con l'ennesimo tentativo di utilizzare uno strumento che limita le normali capacità di tracciamento online a fini di marketing.

Una strategia debole per un motore di ricerca comunque interessante che offre risultati suddivisi per canale (social compresi) e che sta tentando di trovare una sua dimensione (di mercato).

Qwant

 

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 19 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

Il vaso di Pandora degli strumenti per la difesa della Privacy

Esiste una directory molto aggiornata e molto ben congegnata che illustra quali sono le alternative Open-Source agli strumenti software e servizi Web di più comune utilizzo.

Direte voi ma cosa c'entra il concetto di Open Source con la Privacy? C'entra eccome considerato che il concetto di codice sorgente aperto significa poter sapere cosa c'è dietro un sofware o un servizio e quindia vere tutte le informzioni utili (e magari rassicuranti in termini di tutela della riservatezza) per poterlo utilizzare.

Ecco che dunque una directory spartana ma molto ben fatta come PRISM BREAK (dal nome di un noto servizio di spionaggio) diventa un riferimento importante e in continuo aggiornamento per chi ha a cuore la difesa della propria privacy anche se va detto che è un sentimento evidentemente sempre più raro in questa epoca di evidente esibizionismo social...

Privacy-tools

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 16 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

Menu hanburger messo in discussione

Nielsen mette in dubbio l'efficacia del menu a tre righette che non tutti sarebbero in grado di notare ed utilizzare.

Il menù a tre righette orizzontali detto anche hamburger è stato adottato felicemente da miriadi di siti web che così risolvono esigenze responsive in maniera molto semplice.

Il guru dell'usabilità Nielsen ora però diffonde seri dubbi su come viene percepito e quindi notato ed utilizzato questo strumento: dubbi comprovati da indagini empiriche nostrane.

Riflettiamoci per i prossimi scenari di design a venire...

Hamburger-menus

feed xml di Scacco al Web

 

Inserito il 11 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

Yandex Browser si fa multipiattaforma

Il browser Yandex, realizzato dallo stesso team ingegneristico che ha dato vita al noto motore di ricerca russo, presenta un'ulteriore evoluzione multipiattaforma.

Eredita da Chromium una certa semplicita' di interfaccia fra cui la comoda e funzionale interfaccia di stampa pagine in pdf (assolutamente migliore rispetto ad altri browser) mentre assolutamente sgradevole l'impostazione 'alla safari' di nascondere-semplificare i dettagli dell'url visualizzato.

https://browser.yandex.com è veloce nella modalita' TURBO (stile Opera) per le sole pagine http (non quelle sicure che finiscono quindi con la lettera s) anche se la velocità comporta una semplificazione della pagina alleggerita talvolta di componenti mutimediali significativi che vengono filtrati (e tutto il resto compresso) passando sempre per i server di Yandex,, interessante l'offerta di estensioni con alcune particolarità russe. Yandex Browser è pensato infatti per accontentare in primis l'utenza finale russa ed è evidente nell'offerta di traduzione delle pagine web visualizzate nella lingua russa e nella localizzazione linguistica delle piattaforme online offerta di default in lingua russa. 

Dalle impostazioni avanzate vale la pena sottolineare la funzione blocca pubblicità offensiva (anche se non si capiscebene l'accezione di 'offensiva') e la possibilità di utilizzare server DNS con crittografia DNSCrypt.

Un po' scomoda, perche' non consente di attivare procedure di traduzione automatica, la caratteristica di non rendere selezionabile il testo di alcune schermate di impostazioni e funzioni interne del browser.

In definitiva un esperimento (dichiarato in maniera trasparente beta) interessante ma non maturo come l'omonimo motore di ricerca che sicuramente rimane un ambito di ricerca interessante come dimostrano alcune caratteristiche di Yandex (motore) che addirittura risultano più perfomanti rispetto a Google come nel caso della !pattern recognition. Insomma un esperimento da seguire e da poco tempo anche da parte degli utenti linux che possono scaricare la versione installabile sotto forma di pacchetti .deb od .rpm.

Yandex-Browser

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 10 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

Eredità Digitale

A chi andranno (dopo di voi) le vostre playlist, le vostre tesimonianze social, le vostre informazioni sul Cloud?

Su un po' di filosofica accettazione di sé (morte compresa) e proviamo ad immaginare cosa succede ai nostri beni una volta dipartiti. Le nostre playlist, le informazioni sul Cloud, le gallerie fotografiche postate sui social eccetera eccetera... ci avete mai pensato? Alcuni social (come Facebook) cominciano a pensarci istituendo formalmente l'indicazione della figura-erede attirando addirittura l'attenzione dei notai italiani che si sono posti la questione recentemente.

La memoria digitale non è solo una questione di strumenti tecnici da utilizzare per preservarla ma anche di diritti di successione e quindi di eredità digitale... pensateci prima che sia troppo tardi! (scongiuri ammessi a 360 gradi ;)

Eredita-digitale

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 5 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

Accessibilità, da provare...

L'Accessibilità Web rimane una questione oscura per molti eppure basta utilizzare dei semplici servizi online per comprenderla ed interpretarla al meglio.

Ma cosa è questa !accessibilità Web? Boh, roba per disabili, non vedenti... comunque una bega tecnica meglio parlare d'altro... Spesso e volentieri l'approccio di tanti webmaster rimane questo ad un tema e ad una problematica certo non banale da interpretare ma comunque eticamente e commercialmente importante (l'Unione Europea, che sta per legiferare a riguardo, è ben consapevole di quanti sono i cittadini disabili ed anziani nella società).

Per capire cosa significa realizzare una pagina Web e un testo comprensbile da una persona non vedente tramite trasposizione audio è sufficiente provare uno dei tanti servizi di text-to-speech disponibili online mentre per i webmaster che vogliono capire quali funzioni e codice viene correttamente interpretato dai cosiddetti !screen-reader possono far riferimento all'utile portale powermapper.com e trovare esempi utili tramite il relativo motore di ricerca interna (in lingua inglese).

Insomma, una semplice questione di buona volontà.

Vocal-web

feed xml di Scacco al Web

Inserito il 3 di luglio 2016
Permalink | Commenti (0)

Pubblicità