dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« gennaio 2014 | Main | marzo 2014 »

Il MED dice la sua sul codice contro il Cyberbullismo

Ironia, domande ed esempi i capisaldi della proposta del MED per migliorare il codice di autoregolamentazione per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo.

Domani scade la possibilità di inoltrare suggerimenti ed osservazioni al comitato governativo che ha realizzato la bozza del Codice di Autoregolamentazione per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo ed opportunamente la prestigiosa Associazione Italiana per L’Educazione ai Media e alla Comunicazione (MED media education) ha pensato bene di pubblicare una Lettera aperta per contribuire a migliorare il CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO DEL CYBERBULLISMO.

Nativi-digitaliOttima l'idea di trasformare le osservazioni da comunicazione privata fra addetti ai lavori a contributo pubblico per un dibattito - quello sui nativi digitali - che dovrebbe investire la società civile tutta dati i suoi tratti di emergenza sociale e importanza strategica (come tutto ciò che riguarda le nuove generazioni e quindi l'idea stessa di prospettiva della nostra società...).

Oltre ad una serie di osservazioni tecniche da addetti ai lavori, appunto, merita sottolineare l'approccio che viene suggerito per affrontare il problema del cyberbullismo utilizzando linguaggi comprensibili ed assimilabili dai più giovani ovvero in primis l'ironia, poi la possibilità di fornire buoni esempi e modelli in tema ma anche la necessità di porre domande ai diretti interessati per far emergere testimonianze e punti di vista quanto mai preziosi per cercare di interpretare un fenomeno crescente e difficilmente contrastabile con i classici mezzi della censura mediatica.

Inserito il 22 di febbraio 2014
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

La cultura del Game Design si fa sempre più multipiattaforma

Si moltiplicano gli editor che - anche dove sviluppati su piattaforma Windows come Construct 2 - si rivolgano a tutte le piattaforme attraverso community online ma anche momenti di formazione in presenza.

L'html5 sembra farsi spazio anche in ambiti inaspettati. Come al solito sono i grandi temi d'attrazione a fare da spinta alle idee e linguaggi innovativi e cosa di più forte oggigiorno del game design?

Construct-2-game-designConstruct 2 è un gran bel progetto di amiente editor html5 per progettare video-game senza essere necessariamente dei grandi programmatori ed anche se sviluppato sotto piattaforma Windows l'output è multipiattaforma pensato per atterrare efficacemente su qualsiasi piattaforma possiate immaginare (desktop PC, Mac e Linux apps...).

In pieno stile 2.0 esiste una release free per le opzioni di base, una a basso costo per avere tutte le opzioni a disposizione ed una a un costo comunque modesto per le iniziative commerciali. Grandissima l'attenzione suscitata in Italia con veri e propri campus e corsi di formazione portati avanti da guru di settore.

Inserito il 18 di febbraio 2014
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Except for Italy

Le normative italiane tagliano fuori il belpaese da migliaia di opportunità digitali?

Non esiste solo il caso DEVART GOOGLE... volete sapere di quante limitazioni - il riferimento specifico è ai contest interanzionali - soffrono i nostri giovani a causa di chissà quali originali normative nostrane?

Except-for-italyProvate a digitare la query EXCEPT FOR ITALY, QUEBEC, CUBA, IRAN, SYRIA, NORTH KOREA, and SUDAN e lo scenario che vi apparirà è inquietante... (si riporta di seguito solo alcuni casi fra le migliaia di #ExceptForItaly a disposizione...)

Enrico Bisenzi che qualche governativo è in ascolto?

p.s.se poi non è la normativa nostrana ad essere inadeguata ma c'è una sua interpretazione distorta da parte delle major del digitale comunque il risultato non cambia e rimane un serio problema da risolvere...

Cisco Developer Terms and Conditions
Oracle OpenWorld Discover Pass
Live.com Online Prize
Oracle HCM World Wellness Competition
The $10k Memory Competition Terms & Conditions
Win a Limited Edition NOOKA Watch from Cubify§
Video Testimonial Contest
Hyundai Asphalt Academy Contest
Contest Rules for Google Code-in 2013
MacBook Air Giveaway
APPCELERATOR MOBILE DEVELOPER CHALLENGE CONTEST
Hackathon - Rules
Doodle 4 Google
The Ingress Elite V Challenge Official Rules
Chromium Security Reward Program
(...)

Inserito il 10 di febbraio 2014
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Italia paese canaglia per l'arte digitale?

Qualcuno ci deve spiegare perchè gli artisti italiani non possono partecipare al bellissimo contest sull'arte digitale indetto da Google in Inghilterra.

DevartLeggo con piacere che Google lancia DevArt un’ambiziosa collaborazione fra il Barbican Centre di Londra e il motore di ricerca di Mountain View. Se siete artisti digitali o esperti di Net art il vostrro lavoro potrebbe venire esposto alla mostra intitolata Digital Revolution, che si terrà dal 3 luglio al 14 settembre e subito spargo la voce che qualcuno più attento di me scopre velocemente sulla pagina del regolamento del concorso:

CONTEST IS OPEN TO RESIDENTS OF THE 50 UNITED STATES, THE DISTRICT OF COLUMBIA, AND WORLDWIDE (EXCEPT FOR ITALY, QUEBEC, CUBA, IRAN, SYRIA, NORTH KOREA, and SUDAN)

Ora va bene i paesi canaglia (secondo l'ottica di sicurezza degli States anche se l'arte dovrebbe travalicare i problemi politici...) ma cosa c'entra e il Quebec e cosa c'entriamo noi addirittura messi per primi nella lista nera?

E' un mondo difficile e molto contradittorio! Provo a cercare italian ed italy nel sito Web ad esempio con l'opportuna query italy site:devart.withgoogle.com per vedere se casomai c'è una sezione speciale per l'Italia per il concorso (boh...) od altre spiegazioni a riguardo ma non mi compare nessuna pagina-risultato allora ripiego sulla più generica query site:devart.withgoogle.com e scopro che Google ha fatto un sito Web con una tecnologia (ajax) che se non sufficientemente supportata da appositi accorgimenti rende difficile l'indicizzazione di alcune pagine (siamo alla follia se un motore di ricerca produce dei contenuti che non riesce esso stesso ad indicizzare).

Mi arrendo siamo considerati paese canaglia per l'arte digitale (inieme al povero Quebec) però mi piacerebbe tanto avere una qualche forma di spiegazione anche perchè la mostra è organizzata in Inghilterra ed è clamoroso che sia escluso un paese europeo da questo contest...


Enrico ma #PorkaTroika ce l'hanno tutti con noi di questi tempi?

Inserito il 8 di febbraio 2014
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

(V)Book fra vecchia e nuova economia

Gli instant-book possono rappresentare un passaggio fra vecchia e nuova economia?

VbookLa globalizzazione incalza grazie anche al potere mediatico di Internet che appiattisce domanda e offerta in un enorme scenario economico mondiale.

SVANTAGGI: a farne le spese tantissimi settori delle vecchia economia reale e perlopiù le industrie che non riescono a reggere la concorrenza della manodopera a bassissimo costo degli orizzonti asiatici.

VANTAGGI: tutti possono mettersi in gioco offrendo servizi, idee e soprattutto beni immateriali come software e contenuti digitali avendo a disposizione un mercato potenzialmente infinito.

Volete un esempio pratico? Gli instant-book di vidèa e il primo titolo-hashtag-topic #PorkaTroika (V)book non poteva essere meno in tema con una economia che cambia alla velocità della luce...

 

 

Inserito il 3 di febbraio 2014
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Pubblicità