dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« marzo 2013 | Main | maggio 2013 »

eBook standard aperti

Gli standard aperti consentono magie comunicative inaspettate come quelle di trasformare un blog in un libro elettronico.

EbookSperiamo davvero che l'impegno del W3C e di tutti gli altri sostenitori degli standard aperti nel tentare di mantenere lo sviluppo degli e-book verso formati come l'ePub vada davvero a buon fine ancor pù ora che anche la scuola italiana comincia ad interessarsi alle opportunità digitali.

Gli standard aperti, peraltro, nell'ottica che anche giovani e fantasiosi sviluppatori possano metterci le mani consentono applicazioni molto utili come quella offerta da bloxp che consente di trasformare un blog in un libro elettronico: datemi un feed rss e traformerò il vostro blog in un e-pub potrebbe essere lo slogan di questa bella trovata per giocare con la comunicazione digitale.

Come al solito tornano ad essere i file di testo che siano xml-rss-xhtml-css a comandare le possibilità comunicative anche del visuale-digitale ammesso e non concesso che abbiate la fortuna di trovarvi di fronte a codice e standard aperti e quindi interagibili con la vostra fantasia e capacità di metterci le mani...

Enrico Bisenzi che W gli standard aperti !

Inserito il 27 di aprile 2013
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

#invasionidigitali tra il 20 e il 28 Aprile

Da Fornace Penna a Castel Thun per passare da Carrara tutta Italia viene contaminata in questi giorni da una iniziativa culturale declinata al digitale.

Carrara-invasione-digitaleIn prossimità del 25 aprile (anniversario della liberazione) risulta particolarmente azzeccata l'iniziativa #INVASIONIDIGITALI consistente nell'invasione di centinaia di siti artistici e culturali italiani da parte di media-blogger di buona volontà attrezzati di tablet, smartphone e quant'altro per riversare sul Web immagini e video della Bella Italia.

Una idea veramente brillante che coniuga l'oramai costume sociale imperante di cliccare, fotografare, twittare e quant'altro al bello da ammirare e conoscere superando la quotidiana compulsione comunicativa-digitale fine a se stessa per scoprire e condivedere i mille tesori culturali ed artistici che ci circondano e che magari passano inosservati proprio per l'uso ossessivo dei media digitali e lo sguardo ossessivamente incollato su piccoli e grandi schermi.

Un invito quanto mai opportuno ad alzare lo sguardo dagli schermi di tablet e smartphone per osservare un paesaggio, il portale di una chiesa, il fascino di un affresco o di una statua e quindi abbandonarsi al piacere - per una volta sensato - di condividere emozioni inaspettate.

Inserito il 23 di aprile 2013
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Dalla Cina alla Russia con furore

Studiare con attenzione gli strumenti messi a disposizione di Yandex e Baidu ci aiuta a capire la natura e le vere potenzialità di un motore di ricerca.

Baidu è un oggetto misterioso, difficile da comprendere non fosse altro per il fatto che offre i suoi servizi nella sola lingua parlata in Cina: ci concede la grazia di una sezione in lingua inglese descrittiva dei propri servizi dalla quale si evince l'offerta parallela dei servizi offerti da Google come il servizio di analisi parole chiave od altri ancora addirittura che rappresentano casi di successo ancor più clamorosi di alcuni servizi di Google come nel caso di Baidu Knows (Answers). Ai tradizionali strumenti di Webmaster Tool e di Analytics il motore di ricerca affianca anche un servizio di traduzione online che non solo dovrebbe essere considerato particolarmente interessante per l'elaborazione automatica della complessa lingua cinese ma anche conferma di come i motori di ricerca sono potenti risorse di calcolo alla continua ricerca ed elaborazione di contenuti, basi di conoscenza e lingue.

Guardando sempre ad Est ed in particolare approdando in Russia comincia ad essere particolarmente performante e ricca l'offerta di servizi di Yandex: non solo il tutorial su questo imponente motore di ricerca russo è in lingua inglese ma anche tutti i sui servizi sono disponibili in lingua inglese distinguendo fra il dominio locale .ru e il più internazionale .com
Se metrica aiuta a capire il comportamento degli utenti di un sito Web ed è intuibile anche dal nome che Yandex.Webmaster ci aiuta a monitorare lo stato di salute di un sito Web con particolare attenzione al suo rapporto di indicizzazione con il motore di ricerca russo sono i servizi relativi ai contenuti lessicale a dare il meglio di sé: Keyword stats è inferiore come performance all'omologo servizio di Google di analisi di popolarità delle parole chiave ma estremamente interessante perchè si riferisce ad un bacino di utenza specifico e peraltro commercialmente molto rilevante così come Yandex Translate è un preziosissimo strumento di traduzione per tutti quegli italiani che si trovano a dover lavorare con il russo ed altre lingue dell'Europa dell'Est dato che troviamo - fortunatamente - anche la lingua italiana fra le lingue traducibili e da tradurre.

Il mondo dei motori di ricerca è un mondo per certi versi crudele in cui riescono ad emergere solo pochi colossi: ad occidente Google e ad oriente Yandex e Baidu. Se la nostra piccola stella emergente istella.it vuole davvero riuscire a continuare a brillare, quanto meno in Italia, allora deve poter trarre spunto ed ispirazione da questi servizi dimostrando di poter essere veramente in grado di comprendere ed elaborare il nostro patrimonio non solo culturale ma anche lessicale e metterlo a disposizione pubblicamente di tutto il mondo non dovendo così più temere di sopravvivere in mezzo a giganti divoratori di senso ma magari diventando una alternativa ad essi.

Inserito il 21 di aprile 2013
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Il Web accessibile raccontato dai diretti interessati

Due esperti della comunicazione digitale raccontano le loro esperienze con il Web svelandoci alcuni aspetti reali dell'accessibilità Web.

Giuseppe e Marco sono due ciechi, entrambi esperti tecnici della comunicazione digitale in quanto sviluppatori (programmatori).

Leggere i blog di sviluppatori non vedenti o comunque blog che raccontano delle loro esperienze è sempre illuminante in quanto sono testimonianze preziose di come i non vedenti vivono realmente la comunicazione Web.

In un interessantissimo post di biro blu Giuseppe ci ricorda la notevole importanza dei marcatori di tipo h, ovvero di quei marcatori che organizzano gerarchicamente i contenuti in livelli da 1 a 6 e conseguentemente consentono di titolarli e poter avere quindi una sintesi dei medesimi in maniera efficace (è sempre importante offrire una sintesi e descrizione dei contenuti ad un navigatore non vedente...).

In un altro post molto dettagliato l'ingegnere esperto di accessibilità famoso in tutto il mondo come Marco ci offre una prova su strada di un iPhone confrontato con la tecnologia Android dimostrando come ancora i prodotti Apple siano la risposta più utile per i non vedenti che vogliono utilizzare un dispositivo digitale mobile.

 

Inserito il 13 di aprile 2013
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Social utili ebbene sì

I social network sono tutti inutili e comunque riconducibili ad una mera perdita di tempo? Assolutamente no e Access Together è lì a ricordarcelo...

Social-network-accessE' buffa questa polemica sui social network e soprattutto la convinzione del mondo adulto (beh giovani e giovanissimi hanno almeno in parte un'altra convinzione e percezione di Facebook ed affini...) per cui  l'attività svolta sui social network sia esclusivamente riconducibile ad una effimera perdita di tempo.

Sono personalmente convinto che - purtroppo - il problema stia altrove ovvero che la maggior parte di ciò che si condivide e si comunica grazie ai social network sia mediamente di bassa qualità e di basso interesse in quanto stiamo vivendo una profondissima crisi culturale per cui abbiamo poco da dire e lo diciamo pure male (per problemi crescenti, peraltro, di ignoranza e scarsa educazione in senso lato).

Chi ha qualcosa di interessante da dire e comunicare, magari pure utile (!), non disdegna viceversa il tipo di comunicazione social che in alcuni casi può essere molto efficace... E' il caso di Access Together, social network di nicchia supportato dalla piattaforma social Foursquare di geo-posizionamento diffusosi nel mondo anglosassone, grazie al quale tutte le persone interessate dalle questioni inerenti la disabilità condividono ed espongono problemi o soluzioni di accessibilità per disabili (ciechi, persone in carrozzella, eccetera) relative a determinati luoghi pubblici particolarmente interessanti: bar, musei, negozi o qualsivoglia altro locale possiate immaginare o vogliate voi stessi recensire!

Enrico Bisenzi (a)social ma anche no


Inserito il 6 di aprile 2013
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Pubblicità