dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« febbraio 2012 | Main | aprile 2012 »

La chimera dei traduttori automatici del linguaggio dei segni

Riusciranno i nostri eroi ad effettuare la traduzione automatica del linguaggio dei segni?

Molti sordi-audiolesi nel mondo predilogono comunicare attraverso una lingua dei segni (gestuale, tramite le mani) che ha delle peculiarità ben distinte da paese a paese: in Italia ad esempio è nota come LIS - Lingua Italiana dei Segni.

SegniUna azienda inglese sta cercando di realizzare un software per la traduzione del British Sign Language(BSL) in testo intellegibile da una persona che non conosce il linguaggio dei segni inglese ma viceversa è istruita per quanto riguarda la lingua inglese scritta. Il PSLT - Portable Sign Language Translator sarà presto disponibile su piattaforme Windows e Android (è una promessa).

A livello di digital divide una delle sfide più impegnative e intriganti di questo secolo.

Inserito il 31 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Gli americani sono impazienti e noi?

Gli utenti finali del Web sempre più intolleranti verso pagine web pesanti e tempi di attesa.

Negli States se Google perde quattro decimi di secondo nel dare risposte alle query di ricerca perde inevitabilmente otto milioni di query al giorno, una persona su quattro abbandona una pagina web se si carica dopo oltre quattro secondi, oltre la metà dei navigatori web in mobilità rinuncia a visualizzare una pagina web se ci mette più di dieci secondi a vusualizzarsi e tre su cinque non la visualizzeranno nemmeno successivamente, il 40 per cento delle persone che fanno shopping in mobilità abbandonano sistemi di e-commerce che ci mettono più di tre secondi ad apparire.

Con questi dati è possibile ipotizzare una perdita per Amazon di oltre un miliardo e mezzo di dollari all'anno per ritardi di rendering delle sue pagine web di un solo secondo.

Se dunque Chrome festeggia il suo primato temporaneo di browser più popolare proprio in virtù della sua principale caratteristica di velocissimo rendering, i webmaster farebbero MOLTO bene a riflettere sulla leggerezza_o_pesantezza delle proprie homepage e dei relativi tempi di visualizzazione.

Instant America
Created by: Online Graduate Programs

Inserito il 28 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

E' Siriano il CyberCittadino modello secondo Google

Google assegna il premio di CyberCittadino 2012 al Centro media dei Comitati di coordinamento locale degli attivisti siriani in Siria.

L'accanimento repressivo contro la popolazione siriana che sta avvenendo con toni esageratamente cruenti ha attirato l'attenzione dell'opinione pubblica mondiale ivi compreso il management di Google.

Sirian-bloggerNon sorprende più di tanto quindi che Google con la consulenza di Reporter senza frontiere abbia deciso di assegnare il premio di CyberCittadino 2012 poprio ai centri mediatici dei comitati di coordinamento locale in Siria che cercano, a costo della propria incolumità personale, di tenere informati l'opinione pubblica locale ed internazionale sui drammatici eventi degli ultimi tempi.

E' il terzo anno consecutivo che il premio viene assegnato nelle aree geografiche del Nord Africa a riprova dell'enorme attenzione sul connubio comunicazione digitale ed emergenze civiche e della sua incidenza nei processi di riforme sociali nel mondo quasi a testimoniare che il  superamento della problematica del digital-divide può avere sfumature decisamente drammatiche.

Inserito il 26 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Firefox 11 e metteteci lo sguardo

Non tutti gli aggiornamenti di Firefox sono particolarmente significativi ma la release 11 è da farci attenzione.

Mozilla-firefoxFirefox ha il brutto vizio di fare rilasci-upgrade molto frequenti che, giustamente, irritano l'utenza finale.

La versione 11 però merita attenzione perchè ha delle caratteristiche particolarmente innovative per la categoria webmaster ed affini. A parte una avveneristica console di verifica degli ambienti 3D, con la consueta funzione ispeziona elemento - di solito attivabile con il click destro del mouse o similar, equivalente funzione - è possibile non solo visualizzare il foglio stile (css) ma anche simulare un suo cambiamento come fanno alcuni plugin evoluti stile Firebug.

Inserito il 24 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Si può misurare il Sentiment di natura politica?

Ecco un esperimento di misura del sentiment politico in Internet, sul Web e sui Social Network prendendo ad esempio la scottante vicenda della TAV.
 
La sentiment analysis è una metodologia di analisi che sta andando per la maggiore fra le aziende di medie e grandi dimensioni che bramano di capire l'umore del proprio target di riferimento in merito a brand, servizi e prodotti.
 
Il metodo di rilevamento dell'umore popolare online consiste nel monitorare con attenzione Web, blog, forum, motori di ricerca e social network cercando di trarre quei tratti qualitativi e quantitativi necessari per individuare una opinione di massa su un argomento specifico.
 
Ancora non esistono in Italia studi seri su come la Sentiment Analysis possa essere applicata a settori dell'opinione pubblica su argomenti di carattere politico e per questa ragione ho voluto provare a fare un esperimento in questo senso prendendo come spunto un argomento di sicura, scottante, attualità come la vicenda della linea TAV (treni alta velocità) Torino-Lione.
 
Per prima cosa gli strumenti per cercare di misurare la Sentiment Analysis servono a capire se e come un determinato argomento è veramente di attualità e se il medesimo sta registrando un aumento di interesse significativo in tempi recenti fra la opinione pubblica. Per far ciò è necessario capire quali parole chiave sono abbinabili all'argomento e la loro popolarità nel tempo.
 
In questo gli strumenti di Google (Adwords, Insigth, Trends, eccetera) risultano molto utili individuando in:
tav, no tav, val di susa, tav torino lione, torino-lione
le parole chiave più richieste su Google.it dimensionando in oltre DIECIMILA AL GIORNO le query effettuate su Google.it comprendenti la parola tav. Le stesse parole chiave mostrano un andamento assolutamente esponenziale di interesse negli ultimi due anni spesso associati a news inerenti i drammatici scontri via-via accaduti in Val di Susa.
 
Tav-trend 
 
Ma come cercare di capire l'orientamento di così tanto interesse? Sicuramente uno degli indici degli umori del popolo della Rete più utile è il servizio di microblogging di twitter non solo perchè sempre più popolare ma anche perchè - per quella sua caratteristica di comunicatività molto sintetica - spesso i suoi messaggi (tweet) equivalgono a giudizi trancianti e netti sugli argomenti trattati. Non solo, chi si appassiona a determinate argomenti ama taggare (identificare) con delle etichettarure dette hashtag (#) per poter rivendicare la propria identità - anche di opionione - rispetto ad una determinata problematica ed è possibile identificare (anche numericamente) i cosiddetti top-tweet ovvero quei messaggi che all'interno di Twitter raccolgono maggiore attenzione (=consenso) e sono riprodotti con maggiore viralità.
 
Ebbene i tweet identificabili con #notav sono venti volte numericamente superiori ai #sitav e relativamente all'argomento torino lione i top tweet più recenti rivelano una presenza del 20% di quelli neutrali, quelli favorevoli all'opera meno del 10% mentre ai contrari va il rimanente 70%.
 
Top-tweet-no-tav 
Non è facile stabilire quanto uno schieramento sia maggiormente rappresentato su twitter rispetto all'altro e quanto, conseguentemente, questo rilievo sia rappresentativo dell'opinione pubblica nel suo complesso: sicuramente, anche se siamo appena agli esordi di questa nuova tipologia di ricerca sociologica e statistica, le sue immenenti applicazioni contemporaneamente alle necessarie istanze di difesa della privacy dovranno farci riflettere attentamente sulle potenzialità della Sentiment Analysis.
 
Enrico Bisenzi

Inserito il 21 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

e-Commerce sotto la lente d'ingrandimento

I vari strumenti di statistiche necessitano di apposite personalizzazioni per monitorare adeguatamente il comportamento degli utenti sui siti Web di e-commerce.

Hacker-sicurezzaGli strumenti di Web Analytics come le popolari Google Analytics sono strumenti molto importanti per cercare di capire il comportamento degli utenti finali su un sito Web e, conseguentemente, il livello di efficacia comunicativa e funzionale del medesimo. Non bisogna peraltro esagerare troppo nel delegare a questi strumenti la capacità di stabilire sentenze inappellabili sulla qualità informativa e comunicativa di un sito Web magari stabilendo obiettivi e conversioni sulla base di convinzioni imperfette sul presunto comportamento dell'utenza finale.

Ciò nonostante è importante prendere consocenza di tutti quegli accorgimenti che sono indispensabili per predisporre uno strumento di Web Analytics per monitorare efficacemente tutte le differenti fasi esperenziali di un utente alle prese, ad esempio, con un acquisto online.

In questi tempi in cui si rincorrono le voci sul gran numero di utenti fasulli che affollano il Web è bene prendere maggiore coscienza sulla natura e il comportamento dei nostri sempre più numerosi ma imperscrutabili visitatori.

Inserito il 19 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Social Network Indigeno

Il concetto di Social Netork come forma di comunicazione viene ripreso in tutto il mondo nelle accezioni più impensabili.

IndigitubePensate forse che la malata ossessione di Facebook, Twitter, YouTube e compagnia bella sia una prerogativa delle società high-tech? Vi sbagliate e della grossa!

In Australia esiste IndigiTUBE dove potete gustarvi video delle popolazioni indigene che si scambiano via internet fra di loro ma anche con il resto del mondo (Internet docet!) informazioni di tutti i tipi: video sulla identificazione dell'avifauna locale oppure tutorial per preservare lingue dai nomi quali ngaanjatjara, pitjantjatjara, gija e karrajarri (no, non è Aldo Giovanni e Giacomo che tentano di imitare la lingua sarda...)

Inserito il 16 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

I mille volti dei QR Code

La realtà aumentata ci sta invadendo anche grazie ai misteriosi QR Code.

Interpetare la realtà che ci cironda attraverso il proprio smartphone sta diventando la moda del momento grazie a mirabolanti applicazioni che aggiungono alle informazioni normalmente percepite attraverso i nostri sensi una serie di informazioni multimediali aggiuntive.

Qr-codeUna delle prime applicazioni di realtà aumentata che si sta oramai diffondendo ora massicciamente è costituita dai QR Code ovvero da dei quadrati bianchi e neri che contengono un codice binario facilmente interpretabile da apposite apps che svelano contenuti multimediali associati ad annunci pubblicitari e informativi di vario tipo.

E' spassoso sfogliare alcune gallery di QR Code e vedere come si stanno diffondendo in ogni remoto angolo del pianeta ma anche in ogni angolo della nostra vita quotdiana (mass-mediatica). Così, mentre è sempre più impegnativo tenersi aggiornati sulle novità della comunicazione digitale (ed in questo i quiz di TechWeek europe possono darci una mano) è importante comunque dare un senso ai vari simboli che semprepiù affollano la realtà che ci circonda e che in qualche maniera rappresentano porte immaginifiche verso universi informativi paralleli.

Inserito il 14 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Google ora prova anche a tradurre i brevetti (europei)

Se pensate che i brevetti industriali sono testi ancora troppo ostici per le traduzioni automatiche... forse avete ragione.

PatentMentre crescono le preoccupazioni dell'Unione Europea sulla gestione della privacy degli utenti su Google il motorone di ricerca americano intraprende una nuova iniziativa molto ambiziosa proprio in Europa.

In cambio di mettere a disposizione la propria tecnologia di traduzione automatica - in effetti sempre più performante - Google ha ora accesso ad una parte significativa dei brevetti industriali europei: il risultato è Patent Translate ed è divertente provare a fare qualche tentativo di traduzione su brevetti esistenti ancora lontani da risultati professionali ma evidentemente di interesse per l'European Patent Office che ha recentemente dichiarato di voler seguire con attenzione l'evoluzione dei sistemi di traduzione di alta qualità; magari in attesa che il Patent Language Translations Online dell'Unione Europea produca un prototipo funzionante in materia.

Inserito il 9 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Alla Conferenza mondiale sulla disabilità irrompe Google

Le migliorie apportate sui sottotitoli di You Tube fra le novità di CSUN 2012.

SottotitoliSi terrà in California il più importante meeting mondiale sulla disabiità e gli ausili tencologici al quale tutte le major del digitale si stanno preparando scrupolosamente.

Così, mentre anche Microsoft festeggia il milione di download in 24 ore per il suo Windows 8 che presenta notevoli migliorie sul fronte dell'accesso facilitato, Google irrompe alla ventisettesima conferenza internazionale su Tecnologie e Persone con Disabilità con numerose novità in materia: fra tutte spicca sicuramente la nuova versione dei sottotitoli di You Tube che ora supporta molte più lingue nelle sue procedure di trascrizione e traduzione audio. Veramente sorprendente il miglioramento della qualità della trascrizione audio e della sua possibile traduzione in più lingue attivabile in un video You Tube interagendo con la magica icona CC (closed caption) posta in basso a destra del footer dei comandi per perosnalizzare la percezione e la visione del video.

Assolutamente utili anche le nuove modalità di impostazione grafica dei sottotitoli ad uso e consumo delle persone ipovedenti.

Inserito il 7 di marzo 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Pubblicità