dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« settembre 2011 | Main | novembre 2011 »

Yandex si consolida in Turchia

Passa da un servizio di cartografia digitale il consolidamento in Turchia del motore di ricerca russo.

Dopo l'annuncio dato alla fine di questa estate dello sbarco in Turchia del gigante Yandex ecco che arriva la notizia del lancio di un apposito servizio di cartografia ad uso e consumo dell'utenza dell'emergente paese da sempre a cavallo fra Europa ed Oriente.

Yandex-trCome al solito e per ogni sua localizzazione geografica Yandex ha fatto le cose in grande con apposito supporto linguistico (non mera localizzazione ma adattamento dei risultati di ricerca sulla base dei sinonimi della lingua locale) e immancabile apertura di un ufficio locale operativo di rappresentanza.

Il definitivo passo di avvicinamento prima di lanciare l'offensiva verso l'Europa sempre più imbelle e passiva anche sul fronte dei motori di ricerca?

Inserito il 28 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Interfacce rivoluzionarie

Le interfacce alla kinect sono state la vera novità innovativa di questi ultimi anni e la presentazione dell'interfaccia OmniTouch ne è l'ennesima riprova.

Quasi da fantascienza cyberpunk la possibilità di poter trasformare tutto ciò che ci circonda in una sorta di schermo tattile per comandare un qualsiasi processo informatico. Ancor più affascinante ed intrigante la possibilità di utilizzare addirittura parti del nostro corpo umano come il palmo della mano: dalla realtà aumentata ai touchscreen per ogni superficie, la comunicazione digitale sta per contaminare la realtà che ci circonda.

Inserito il 27 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiornato il database di Google sulle censure governative online

 Tailandia e Turchia fra i paesi maggiormente attivi nel richiedere la rimozione di contenuti.

YoutubeOgni sei mesi circa viene aggiornato il Transparency Report di Google con tutte le richieste governative provenienti da tutto il mondo per la rimozione di contenuti in qualche maniera inappropriati o scomodi.

A livello internazionale spiccano in questi sei mesi la Tailandia e la Turchia come paesi fra i più attivi nel richiedere la rimozione video su You Tube (in realtà tramutata da Google in impossibilità di vedere i medesimi video per gli utenti dei rispettivi utenti locali dei due paesi).

Per l'Italia si registrano 80 richieste di contenuti da oscurare relativi a tematiche inerenti diffamazione, sicurezza, odio razziale, violenza, copyright e critiche anti-governative presenti sui risultati di ricerca di Google ma anche su Blogger e YouTube.

Inserito il 26 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

I dati aperti della PA

Una sorta di directory delle risorse informative accessibili della PA anche da tecnologia mobile.

Dati-trasparentiVeramente impressionante la mole di informazioni messe a disposizione tramite la neonata iniziativa dati.gov.it tramite formati aperti e condivisibili ed inerenti svariati aspetti della società civile dalle cartografie delle maggiori città italiane, ai dati statistici del settore turistico (ad esempio) per finire con argomenti di scottante attualità come le dotazioni delle auto blu.

Molto interessante anche la sezione dedicate alle apps (molte quelle per iPhone anche se cominciano a farsi vedere anche quelle per Android) dedicate all'interrogazione dei dati messi a disposizione dalle amministrazioni centrali e da quelle periferiche.

Inserito il 25 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Proliferano piattaforme di lettura online per ebook

Oreilly ed altre importanti case editrici sono sempre più coinvolte nel fenomeno ebook.

Screenshot-alice-smPer gli amanti della comunicazione digitale non è oramai neanche obbligatorio avere (sempre) con sè un apposito eReader perchè sono sempre più numerose le piattaforme online che consentono di leggere libri elettronici in formati ePub o similari (i cosiddetti ebook).

Certo, la lettura tramite la tecnologia eInk è altra cosa ma comunque vale la pena prendere dimestichezza con bookwormibis reader oppure MagicScroll per avere sempre la possibilità di avere in un click l'accesso all'amato libro (elettronico) di turno.

Inserito il 24 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Tutte le lingue del mondo

Una nuova interfaccia basata su flash si propone com piattaforma di e-learning linguistica.

Le lingue sono sempre più un fattore professionale importante e sicuramente è un concetto che i nostri giovani dovrebbero assimilare meglio essendo mediamente più indietro (linguisticamente parlando) a tanti loro coetanei sparsi per il mondo.

Il Web rimane un ecosistema informativo eccezionale per chiunque abbia un po' di buona volontà e curiosità per migliorare le proprie conoscenze.

Sono ben sessanta le linguead esempio prese in considerazione da pronunciator:)) che mette a disposizione gratuitamente una sorta di laboratorio linguistico molto efficace basato su video in flash.

Laboratorio che alla faccia della privacy (microfoni e viedocamere vengono attivati conseguentemente) diventa interattivo per mettersi alla prova e capire-sentire i progressi acquisiti nella lingua che abbiamo deciso di studiare.

Enrico Bisenzi

Inserito il 21 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Cross Cultural Communication Lab

Offerta gratuita di laboratorio sulla comunicazione internazionale comecontributo di infoAccessibile al dibattito scientifico e alla  necessità di migliorare la comunicazione fra persone di origine culturale e linguistica diversa.

Da anni infoAccessibile cerca di essere punto di riferimento sul Web per coloro che hanno a cuore la problematica dell'accessibilità e usabilità della comunicazione digitale. Grazie ai recenti sviluppi tecnologici e alla natura stessa di Internet la comunicazione digitale sta in questi anni affrontando il problema di comunicare fra persone che parlano una lingua diversa e provengono da culture di diverso tipo.

Valutando questa tematica importante e assolutamente sottostimata nella società civile infoAccessibile non solo mette a disposizione la raccolta di tutorial sull'argomento ma soprattutto propone gratuitamente ad associazioni culturali, ong, centri studi e a chiunque sia impegnato nel dare supporto a migranti, studiosi, cooperanti per migliorare il proprio know-how nel campo della comunicazione cross cultural un laboratorio didattico da svolgere in due appuntamenti di circa tre ore ciascuno durante i quali sarà possibile confrontarsi su:

1. differenze di accesso e utilizzo della comunicazione digitale nel mondo


2. strumenti digitali per agevolare una comunicazione di tipo cross-cultural

La collaborazione minima richiesta per poter realizzare il Cross Cultural Communication Lab consiste nel mettere a disposizione una segreteria per la raccolta delle iscrizioni al laboratorio e una sede attrezzata con computer connesso ad Internet con possibilità di videoproiezione ed output audio.

a‫ ب‬д ф খ 到 лпბ એ ‫ב‬ख ð のգибβಸ에 ж ‫بهب‬йБ மீబก.çї ‫جף‬

Inserito il 21 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (1) | TrackBack

Rara iniziativa di digitalizzazione della memoria storica

Ben 1065 manifesti politici italiani sono stati digitalizzati ad alta risoluzione.

68Il sessantotto è  stato un periodo sicuramente cruciale anche per la società italiana e sarebbe oltremodo interessante avere a portata di click tutti i manifesti politici prodotti in quel periodo.

Così devono aver pensato quelli dell'Archivio Sessanttoto di Firenze che hanno digitalizzato in alta risoluzione oltre mille manifesti in loro possesso.

Una occasione unica per ri-leggere letteralmente l'immaginario storico di una intera generazione che ha sicuramente influito negli anni a venire.

Inserito il 21 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Vent'anni dopo grande è la confusione sotto il cielo del Web

Sono passati venti anni da quando il Web è stato ipotizzato da Tim Bernes-Lee eppure la fruizione del Web sembra sempre più all'insegna della NON consapevolezza.

Timeline-webSulla storia, ed anche sulla storia del Web, ogni tanto merita mettere i puntini sulle i: non Steve Jobs (che sull'emozione uscitata dal cordoglio della sua scomparsa sembra aver inventato tutto ciò che si muove di digitale a sentire molti commentatori televisivi) ma Tim Bernes-Lee venti anni fa e precisamente nel dicembre del 1991 ipotizzò il Web durante l'Hypertext Conference in San Antonio (Texas - Usa).

Da allora di bit ne sono scorsi tanti sotto i browser, e l'utenza finale si trova ora a poter interagire con un ecosistema comunicativo sempre più potente, popolare e complesso: grazie poi all'avvento dell'html5 l'interattività del Web viene sempre valorizzata arrivando a delle applicazioni un tempo impensabili come quella di poter usufruire di determinati servizi Web temporaneamente anche offline.

Malgrado molte affascinanti evoluzioni (basti pensare al 3D!) la consapevolezza dell'utenza finale sembra venire gradualmente meno: complici anche alcune scelte delle case costruttrici dei browser la prospettiva prossima futura è quella di avere un utente per cui il browser è una sorta di app sul quale cliccare per cercare su Google o chattare su Facebook.

Via la percezione di alcuni tratti descrittivi importanti come il title, via la barra delle url, via i menù che permettono di accedere ai comandi dietro le quinte del browser fondamentali per rendersi conto di ciò che succede navigando sul Web a cominciare dalla possibilità di visualizzare il codice sorgente.

In definitiva, via la coscienza dal Web?

Enrico Bisenzi

Inserito il 20 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Social che vai metrica che trovi

Ogni piattaforma di comunicazione social ha oramai una propria metrica per misurarne il funzionamento.

Tweets-per-daySe nel Web generico domina Google Analytics ma in ogni specifico settore della comunicazione social si stanno sviluppando metriche specifiche per cercare di capire il reale impatto di singoli web account.

E' il caso ad esempio di TweetStats in grado di monitorare statisticamente le attività di un account su Twitter oppure del keyword tool di YouTube utile per capire la popolarità di alcuni argomenti sulla piattaforma di distribuzione video.

Inserito il 19 di ottobre 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Pubblicità