dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« luglio 2011 | Main | settembre 2011 »

Tutti i colori di Firefox 6

Con l'ultima versione di Firefox vengono riproposte due add-on molto utili per la gestione dei colori delle pagine Web.

Eyedropper Firefox 6 ha un rapporto decisamente migliore con javascript sia in termini di velocità che di analisi codice.

Sono molti infatti gli strumenti a disposizione per testare codice javascript ma anche gli add-on suggeriti per il lavoro in genere di webmaster.

Fra le estensioni meno conosciute ma comunque molto utili soprattutto in termini di gestione del colore di una pagina Web sono Colorzilla e Rainbow che offrono una gamma molto ampia di strumenti per misurare, analizzare e creare il colore giusto per la pagina Web in gestione.

Inserito il 31 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Letture estive elettroniche

Quella 2011 è stata l'estate delle letture elettroniche.

PopularApps Mentre sta facendo scalpore la notizia del TouchPad di HP in vendita a 99 dollari possiamo tranquillamente ratificare l'estate 2011 come l'estate delle letture elettroniche.

Che sia un performante e-reader come Nook capace di dare il meglio di sè in condizioni di luce ottimali per leggere appunto un libro (quantunque elettronico) oppure un modaiolo iPad magari molto più in difficoltà in  presenza di condizioni di luce particolari (ad esempio sotto l'abbacinante luce dell'omrellone al mare) è indubbio che l'italiano medio (esiste?) ha fatto la gara per procurarsi una tavoletta magica capace di agevolargli le letture estive.

Magari comprato all'estero (per via dei prezzi assolutamente concorrenziali) o anche via Internet e magari attraverso organizzazioni come consegnato.com - che consentono di far reperire in Italia materiale tecnologico altrimenti non spedibile direttamente entro i confini italici - sono stati veramente in tanti nel 2011 ad abbandonare la carta per le proprie, amate, letture estive.

Vista come è andata l'estate saremmo pronti ad abbandonare anche i libri scolastici di carta?

Enrico Bisenzi

Inserito il 31 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Esiste un genoma dei libri?

Un motore di ricerca per libri cerca di identificare i tratti distintivi di un libro.

Lang_story_characters Ne esistono tanti di motori di ricerca ma in effetti BookLamp è veramente particolare basandosi sul concetto un po' astratto e un po' da sperimentare di Genoma dei Libri.

L'effetto pratico rispetto all'utente finale che è comunque invitato a partecipare attivamente al progetto è quello di poter individuare dei possibili libri di proprio piacimento sulla base della indicazione di un proprio libro la cui lettura è stata gradita.

Inserito il 30 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Ennesimo motore di ricerca sulla Net Reputation

Ennesimo motore di ricerca sulla Net Reputation
 
Particolarmente efficiente con la lingua inglese nasce un motore di ricerca per la reputation management.
 
Sul fronte dei motori di ricerca si affaccia all'orizzonte il neonato SAMEPOINT che promette di essere la piattaforma globale per il monitoraggio della Net Reputation.
 
SaMePoiNT Presenta delle idee interessanti come quella di raggruppare in un unico canale le recensioni negative rispetto ad un nome o brand ma purtroppo risulta essere efficace soprattutto rispetto a termini e brand del mondo anglosassone.

Inserito il 28 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Il trend norvegese

Il motore di ricerca norvegese strizza l'occhio a Google trends.
 
KVASIR è un gran bel motore di ricerca, uno dei pochi esistenti in Europa indipendenti da Google e nello specifico realizzato in Norvegia.
 
Kvasir Ultimamente ha variegato la sua offerta di servizi realizzando un portale specifico per i bambini, per il mondo social e svelando, in un'altra specifica sezione, l'andamento delle ricerche effettuate dagli utenti finali.
 
Particolarmente intrigante la sezione Trender che svela le ricerche fatte in tempo reale ma soprattuto l'andamento delle medesime nel tempo, similmente a quanto offerto da Google Trends.

Inserito il 26 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Browsing privato con SRWare Iron

Un nuovo browser della famiglia Chrome promette il pieno rispetto della privacy.
 
Chromium è il lato open source del browser Chrome di Google ed è codice spesso utilizzato per immaginare fork con obiettivi specifici.
 
Esempio di tutto ciò è SRWare Iron che è stato sviluppato per poter avere una configurazione di partenza immune da tutti quei trasferimenti dati che consistono nel comunicare alle varie centrali di Google l'attività dell'utenza finale.

Inserito il 25 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Il W3C vuole te! Per l'html5...

Il W3Consortium chiama alla raccolta un esercito di docenti e tutor per diffondere il verbo html5.
 
HTML5 Quasi una chiamata alle armi per vincere la battaglia dei linguaggi del Web sembra essere questo appello del W3C rivolto a chiunque si senta autorevolmente tutor o docente per corsi html5.
 
Si parla ovviamente di corsi online e manco a dirlo in lingua inglese.

Inserito il 24 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Video didattico sull'usabilità internazionale

In pochi punti ecco spiegato perchè è importante occuparsi di usabilità internazionale.
 
Si sa che a volte i video sono didatticamente più efficaci di tanti tutorial ed esempio di ciò è il video in inglese (con sottotitoli) Usability tips for international websites dove si fanno pochi ma efficaci esempi della necessità di una comunicazione cross-cultural.
 
Se la localizzazione linguistica di un sito Web è un principio oramai assodato non è altrettanto scontata la necessità di alcune esigenze per così dire ambientali come il bisogno di pulsanti grandi touch and screen in quei paesi come il Canada dove non è consigliabile levarsi i guanti per utilizzare smartphone ed affini.
 
Illuminante poi l'esempio del brand Coca Cola che pronunciato in cinese corrisponde ad una frase oscena e quindi si è dovuto trasformare in qualcosa di diverso mentre non tutti si rendono conto nel mondo che alcuni simboli come le corna possono significare in alcuni paesi 'musica heavy metal' ed in altri il simbolo del tradimento coniugale.
 
Rimane infine il consiglio più utile di tutti ovvero quello di utilizzare persone del luogo per testare l'efficacia comunicativa di un sito Web.

Inserito il 23 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Il video come forma di comunicazione didattica per i nativi digitali

Il Best Italian Lip Dub assegnato quest'anno all'ISIS "Enrico Fermi" di Bibbiena.
 
Non è certo il primo esempio di esperimento didattico portato avanti con il video per coinvolgere le nuove generazioni ma il miglior LipDub Italiano 2011 è una bella riconferma di come Internet e il video siano degli ottimi strumenti per far lavorare gli studenti in maniera corale e divertendosi.
 
Girare un video sulla base di una musica famosa (questa l'essenza del LipDub) è una idea che accende facilmente gli entusiasmi di qualsiasi studente delle scuole medie superiori ma non è forse un caso che il migliore di tutti sia stato decretato quest'anno quello di una cittadina immersa nelle foreste casentinesi perché è forse proprio nelle periferie dell'impero digitale che si sente forte il bisogno di adoperare le nuove tecnologie e il Web per sentirsi maggiormente in contatto con il mondo attraveso una piccola opera che colpisce per il suo impegno corale comunque non banale per tutti i suoi aspetti di montaggio, regia e quant'altro necessario alla sua realizzazione.
 
Enrico Bisenzi

Inserito il 21 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Comunità elettroniche e banche della memoria online

Ennesimo esempio del Web come forma di salvaguardia della memoria collettiva.
 
La valle santa è una particolare località del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi così nota per essere sempre stata meta di pellegrinaggi fin dai primi tempi cristiani.
 
A seguito di una diffusa fase di spopolamento ora si trova ri-popolata in maniera bizzarra da vecchi montanari locali e neo-forestieri soprattutto nord-europei.
 
Questo strano connubio di vecchi testimoni e nuovi sperimentatori della vita contadina ha prodotto l'ennesimo esempio di salvagaurdia della memoria collettiva attraverso il Web ovvero la mappa interattiva della vallesanta realizzata da quella che si autodefinisce come comunità elettronica locale.
 
Mappa-vallesanta Una mappa grafica, peraltro realizzata tramite una serie di div correttamente taggati per l'accessibilità, permette di accedere ad una serie di videotestimonianze sugli aspetti culturali più disparati della valle come le ricette, i racconti sulla resistenza, la presenza di animali selvaggi (il racconto del grande cinghiale straziato dai tre lupi mette i brividi), ma anche le leggende sul diavolo, la befana, tesori nascosti ed animali leggendari come il mitico Badalischio rispetto al quale sono molte le video-testimonianze di anziani pronti a giurare sulla sua esistenza.
 
Una memoria collettiva elettronica che tenta di sfidare attraverso il Web l'oblio di tanti know-how e saperi locali che, senza retorica, rappresentano la nostra più genuina cultura popolare.
 
Enrico Bisenzi

Inserito il 19 di agosto 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Pubblicità