dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« aprile 2011 | Main | giugno 2011 »

iPad secondo Jacob Nielsen

Esce un approfondito studio sull'usabilità dell'Ipad che boccia le apps e promuove il Web.

Come al solito risultano nteressanti gli studi promossi dal guru dell'usabilità Jacob NIelsen che stavolta si concentra sull'oggetto del desiderio iPad.

Ipad-touching-tablet L'aspetto più rilevante che emerge da questo studio è il maggiore grado di usabilità che viene offerto dai siti Web appositamente realizzati per iPad rispetto alle apps vere e proprie che offrono meno contenuti e soluzioni più deboli a livello di design (perlopiù dovute al fatto che la apps per iPad sono pensate in maniera molto simile a quelle per iPhone).

Inserito il 31 di maggio 2011
Permalink | Commenti (2) | TrackBack

Il Sentiment elettorale

Un esperimento condotto a ridosso delle elezioni dimostra l'esigenza di aggiornare gli strumenti di rilevazione statistica al fenomeno social.

Per un mese intero a ridosso della scadenza elettorale mi sono divertito a monitorare Twitter e Facebook attraverso appositi strumenti di analisi del sentiment per cercare di carpire l'umore rispetto all'evento elettorale nelle due piazze principali di Napoli e Milano.

Medium_elezioni_comunali La preferenza del popolo della Rete per i candidati che si avviano a diventare sindaci nelle piazze di Napoli e Milano era emersa in maniera netta fin da subito anche se ovviamente mi sono ben guardato dal pubblicare qualcosa a riguardo prima del voto.

A posteriori sento comunque rafforzata la convinzione che gli strumenti demoscopici dovrebbero urgentmente adeguarsi a quella che è la comunicazione social oramai capillarmente diffusa.

Enrico Bisenzi

Inserito il 30 di maggio 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Cibo che vuoi mappa che trovi

Un nuovo motore di ricerca unisce comunicazione social alla ricerca visuale e alla geolocalizzane.

Foodspotting Immaginate una interfaccia-motore_di_ricerca capace di offrirvi un'eseprienza visuale dei risultati di ricerca unito alla possibilità di sfruttare la comunicazione social e l'imperante geolocalizzazione: etvoilà ecco materializzarsi sotto i vostri occhi FoodSpotting.

L'unico particolare - aggiungo interessante - è che vi trovate a che fare con un motore di ricerca per cibo che magari vi fa scoprire che Firenze è perlopiù recensita per i gelati anzichè per bistecche, ribollite e lampredotti!?!

Sarà il caldo... in ogni caso spassossissimo!

Enrico Bisenzi

Inserito il 27 di maggio 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Gli editor Web in blue

L'offerta di editor html-css-javascript open source multipiattaforma si fa consistente e coinvolge la nuova frontiera dell'html5.

Hanno in comune il nome-colore blue ma soprattutto sono entrambi software di tipo libero, multipiattaforma e utilissimi per qualsiasi sviluppatore di codice Webbluefish editorBlueGriffon sono oramai delle ottime alternative alle più blasonate offerte professionali in materia editing Web soprattutto per chi è abituato a maneggiare direttamente con il codice.

Bluefish Mentre bluefish oramai ha acquisito una certa maturità ed è uno strumento utile non solo per html-css anche a chi si rapporta quotidianamente con codice javascript e php, BlueGriffon è recentemente approdato alla versione 1.0 ma ha attirato subito molta attenzione per la sua semplicità di interfaccia e soprattutto l'occhio di riguardo all'emergente linguaggio html5.

Inserito il 26 di maggio 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Google ha in testa l'accessibilità anche per i nuovi prodotti

Andorid e Chromebook finiscono subito sotto l'attezione degli sviluppatori specializzati in accessibilità per disabili.

Web_accessibility Google non fa in tempo a realizzare nuovi prodotti come i tanto chiacchierati Chromebooks che subito escano soluzioni dedicate al fronte dell'accessibilità universale.

Impressionante la velocità con cui è stato pensato ChromeVox per il neonato sistema operativo Chrome OS (montato sugli emergenti netbook Chromebooks) mentre è già più matura ed elaborata la documentazione inerente il supporto necessario agli sviluppatori per creare soluzioni accessibili su Android.

Inserito il 25 di maggio 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Le foto che raccontano di noi

Un motore di ricerca scava alla Rete alla ricerca di scatti proibiti (nel vero senso della parola).

Stolen_camera_finder E' impressionante vedere cosa riescono a fare alcuni motori di ricerca verticali interpretando i meta-dati della moderna comunicazione digitale.

Esempio clamoroso di come le rappresentazioni digitali possono raccontare molto più della loro mera apparenza è stolencamerafinder capace di scandagliare la Rete alla ricerca di immagini analizzandone i meta dati di tipo Exif (Exchangeable image file format) per vedere se contengano un determinato numero seriale identificativo della fotocamera digitale con cui sono state scattate.

Lo scopo? Scoprire quali foto sono scattate e da chi con l'amata fotocamera smarrita o rubata.

Inserito il 24 di maggio 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Kinect ed il linguaggio dei segni

In futuro la consolle comandata con il corpo ruscirà ad interagire con il linguaggio più amato dalle persone sorde.

Asl Ancora non è possibile dare l'annuncio definitivo, ma già si comincia a vociferare che in un futuro - non troppo remoto - la consolle Kinect sarà in grado di riconoscere l'American Sign Language ovvero il linguaggio dei segni conosciuto dalle persone sorde negli States.

Speriamo che lo sviluppo in senso accessibile di questa strabiliante piattaforma possa prima o poi coinvolgere anche gli altri linguaggi dei segni adottati in tutto il mondo (a cominciare da quello italiano ovviamente).

Inserito il 23 di maggio 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Crossing Baidu

Per monitorare compiutamente siti Web ospitati in Cina sono necessari servizi analytics locali.
 
Fare mercato su Internet e il Web vuol dire costringere l'utenza a parlare un determinato linguaggio e ne sono dimostrazioni i mondi Google e Facebook ognuno dei quali ospitato da utenza che maneggia un particolare linguaggio digitale sul quale poter costruire business su misura.
 
Baidu_tongji In fondo, la scelta di chiusura della galassia cinese potrebbe anche avere questa chiave di lettura ovvero non solo e principalmente la necessità di controllo politico, ma quello di creare specifici linguaggi e quindi nuovi settori di mercato.
 
Baidu è la punta di diamante di questa politica che vede escludere Google dal continente cinese, stringere sì accordi internazionali (magari con Bing) ma sviluppare una offerta sempre più indipendente ed articolata grazie a proprie risorse.
 
Ecco che se vogliamo monitorare compiutamente l'andamento statistico dell'utenza su un sito web hostato in Cina - e magari sul quale si ha necessità di capire l'impatto sul principale motore di ricerca utilizzato in Cina - dobbiamo sicuramente prendere dimestichezza con Tongji Baidu.
 
Provare per credere...
 
Enrico Bisenzi

Inserito il 20 di maggio 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Ma cosa è questa privacy?

Esiste ancora il concetto di privacy in Internet e ha senso provare a difenderla?

Safe Dopo il clamoroso caso di iOs 4 che traccia i movimenti degli utenti a loro insaputa punta dell'iceberg di un fenomeno di monitoraggio diffuso fra tutte le major digitali viene veramente da chiedere se esiste ancora la privacy sul Web.

La comunità hacher - compesa quella italiana - continua ad essere prodiga di consigli circa crittografia, Tor, proxy e strumenti raffinati come la distribuzione live Privacy for anyone anywhere sembrano offrire in effetti buoni livelli di protezione della propria privacy ma a che costo?

Sono disposti gli utenti finali a sacrficare velocità e comodità d'utilizzo per innalzare il proprio livello di sicurezza?

A guardarsi intorno sembra decsiamente di no e allora torna prepotente la domanda: cosa è questa privacy in Internet? Sarebbe interessante se anche i lettori di questo blog provassero a dare delle risposte...

Enrico Bisenzi

Inserito il 19 di maggio 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Tastiere Web per tutte le esigenze

Ecco alcuni servizi online per digitare nella lingua preferita.

Virtual_Keyboard La comunicazione Web di tipo cross-cultural passa in primo luogo dalle tastiere, almeno per ora ed in attesa di essere testimoni di un improbabile futuro in cui touch-screen e tecnologia vocale prenderanno il sopravvento.

Per adesso, quindi, la tastiera continua a rimanere lo strumento principale per comunicare e quindi strumenti gratuiti sul web come i2typetypeitMagitTyper costituiscono una risorsa preziosa per chiunque ha necessità in una qualche misteriosa (per noi) lingua come l'Afrikaans, l'Urdu o il Malayalam.

Inserito il 18 di maggio 2011
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Pubblicità