dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« settembre 2010 | Main | novembre 2010 »

Oblio digitale alla francese

L'eterna storia della lotta fra memoria ed oblio digitale si arricchisce di un capitolo francese.

Obliage Internet non è fatta per dimenticare, bensì naturalmente predisposta a conservare il vissuto personale e politico.

Malgrado ciò anche i francesi ci riprovano a legiferare in tema di diritto all'oblio cercando di accontentare i tanti irrequieti amanti della net reputation.

Inserito il 29 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Mi piace sul divano

Un gioco tutto al femminile per prendere in giro Facebook e i pruriti della Rete.

Nastro_rosa Spesso gli strumenti comunciativi della Rete sono banalizzati e subiti passivamente, mentre sono rari i tentativi di sperimentare nuovi linguaggi ironizzando magari su alcune abitudini di massa.

Mi piace sul divano è un gioco di parole che prende in giro Facebook e la Rete per cercare di diffondere un messaggio serissimo ovvero la prevenzione del tumore al seno.

Inserito il 28 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Apple va alla guerra

Dallo scontro sui linguaggi al pugno duro con i dipendenti: perchè "tanto odio"?
Steve_jobs_ama_utenti
Da un po' di tempo Apple gioca a fare la dura non solo con importanti competitor come Adobe ma dichiarando guerra al mondo intero.

La guerra contro Flash sembra trasformarsi contro tutti i linguaggi non allineati all'Apple-pensiero (Java compreso quindi) mentre e' abbastanza sorprendente l'atteggiamento intollerante che alcuni Apple Store hanno tenuto verso propri dipendenti fino ad arrivare a licenziamenti ingiustificati: leggere per credere la sorprendente intervista realizzata da NGN ad un ex dipendente (in prova) di Apple Store, licenziato, e che ancora non ha capito dove e come ha sgarrato rispetto all'Apple-pensiero.

Enrico Bisenzi

Inserito il 27 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Archipedia

Come introdurre i ragazzi delle Scuole al linguaggio dei documenti.

Archipedia Progettato dall'archivio di Stato di FirenzeArchipedia si propone di intercettare l'interesse delle Scuole (delle classi scolastiche dalla 5a della Scuola primaria fino all'Università) ed indirizzarlo verso il linguaggio dei documenti.

Il prossimo evento sarà un itinerario attraverso documenti del Medioevo e del Rinascimento appositamente selezionati per le famiglie.

Inserito il 26 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Diagrammi in html5

Aumentano le applicazioni online che beneficiano delle nuove funzionalità html5.

Diagramo Basta girellare a giro per il Web per accorgersi che sono sempre più numerose le applicazioni online basate sull'html5 per svolgere le funzioni più disparate.

Diagramo - ancora in versione beta - è una di queste che nello specifico permette di creare diagrammi per tutti i gusti.

Inserito il 25 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Html5 rivoluziona le form

Tips & tricks per potenziare il già importante strumento comunicativo dei moduli di contatto.

Form Con un interessante post tradotto da A list Apart possiamo soffermarci sulle tante novità in tema di gestione form introdotte dai nuovi linguaggi html5 e css3.

Particolarmente utili le modalità di controllo dei campi email, url e telefono ed i relativi messaggi di help in caso di errato o corretto input.

Inserito il 23 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

pubit!

Tre click e l'ebook è online.

Epub Barnes & Noble ha messo a disposzione pubit! dando la possibilità a privati e piccole case editoriali indipendenti di mettere online i libri in formato epub ed addirittura venderli.

Dopo una procedura di registrazione è sufficiente dare in pasto alla piattaforma in formato elettronico il proprio operato per vederselo trasformato nel formato preferito dai veri eReader (i dispotivi dotati di inchiostro elettronico).

Inserito il 21 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Apple su, Apple giù: ma che cos'è l'Open source?

Nel giorno dell'evento "Back to the Mac" Apple ritorna parlare di Mac (con MacBook Air) e del nuovo Mac Os X Lion. Ma a tenere banco, ieri, nel giorno della trimestrale da record di Apple, è stata la polemica di Steve Jobs contro Android e l'Open source.

Ma che cos'è l'Open source? Innanzitutto Open non è free (non confondiamo l'Open source del sorgente aperto con il Free Software, o software libero, di GNU/Linux). Poi, come ha spiegato il padre di Android, Andy Rubin in un Tweet, "bastano pochi semplici comandi per avere Android tra le mani e farci quello che volete". E questo significa essere open. A contrapporre l'openness dell'Open source alla "chiusura" di Apple, è anche il libro "Mela marcia" di NGN (editore: AgenziaX) da oggi in libreria.

Per la cronaca anche Iain Dodsworth, Ceo di TweetDeck, ha smentito Steve Jobs sulle accuse di "frammentazione di Android": “Abbiamo mai detto che sviluppare per Android fosse un incubo? No, non l’abbiamo mai detto. Non lo è stato”. BetaNews è stata ancora più esplicita ed ha scritto: "I felt uncomfortable listening to him rant in kind of a childish way".

Inserito il 19 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

La guida IE9 per gli sviluppatori html5

Ecco cosa si può far fare e visualizzare ad IE9 tramite l'html5.

Stondare bordi a piacimento, sfondi di colore per tutti i gusti, disegnare forme geometriche vettoriali con facilità, interazioni grafiche al passaggio di mouse e cursore. IE9

Questo e molto altro da imparare grazie all'Internet Explorer 9 Beta Guide for Developers basata sulle ultime novità html5 e css3.

Inserito il 18 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Google il latino e la scuola

Aggiunto il latino nel traduttore google: cosa succederà a scuola?

Con un post spiritoso titolato Veni Vidi Verba Verti Google annuncia l'introduzione del latino nel servizio di traduzione. Latino

Questa come tante altre tecnologie rischia di travolgere i costumi di tanti studenti delle scuole medie che sempre più si trovano strumenti di uso quotidiano che possono sì distrarli ma anche aiutarli (pure troppo!) nei loro compiti.

Leggi anche: Facebook parla in latino

Inserito il 15 di ottobre 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Pubblicità