dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« giugno 2009 | Main | agosto 2009 »

La vera novità è che sparisce Yahoo!

L'accordo Microsoft-Yahoo! prelude ad un'ulteriore rarefazione dell'offerta dei motori di ricerca?

L'accordo Yahoo!-Microsoft è cosa fatta, ma una cosa fa impressione: l'offerta dei motori di ricerca sarà ancor meno diversificata rispetto alla situazione attuale, anche se forse Google avrà un rivale più competivo (Bing sia su  Microsoft che su Yahoo!).

Mentre molti analisti giudicano positivamente questo accordo, in quanto rappresenta una seria possibilità di mettere in discussione un quasi monopolio di Google sul mercato dei motori di ricerca (sempre più ingombrante), non ci si sofferma abbastanza su un aspetto importante della questione che ci riguarda direttamente.

Attualmente esistono (oltre a super-google) 3 motori di ricerca statunitensi (Ask Bing e Yahoo!) due dei quali è capace di affermarsi significativamente quanto meno nell'area nord-occidentale del pianeta.

Bing-google-yahoo Solo ad Est si registra una volontà politica ed imprenditoriale di dar vita ad alternative che riescono in alcuni casi ad attirare ancor più attenzioni=visite (locali) dei giganti d'oltre-oceano: mi riferisco - per esempio - al motore di ricerca sud-coreano Naver, al russo Yandex e al cinese Baidu.

Nel resto del mondo esistono sì alternative di interfacce di ricerca soprattutto dove più forte è l'identità culturale (vedi Francia e Sud Africa), ma che certo non impensieriscono l'attività mondiale di Google e compagnia.

In Europa c'è il deserto... e dovremmo forse gioire perchè da quattro attori del mercato della ricerca di informazione in Rete, passiamo a tre?

Dobbiamo forse essere contenti perchè sparisce un motore di ricerca che offriva - dal deep diving al mettere in trasparenza gli inbound links - opportunità di ricerca che altri motori spesso omettono?

In questo panorama di colonizzazione culturale ed economica, gli enti di ricerca ed universitari italiani ed europei non hanno proprio niente da dire (e da fare)?

Enrico Bisenzi

Inserito il 30 di luglio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Protesi open source

Il concetto di open source si sta estendendo a campi applicativi fino a poco tempo fa impensabili.

Open Prosthetics Project nasce dall'idea di un veterano americano che insieme ad alcuni suoi amici smanettoni ha voluto analizzare il livello tecnologico della propria protesi e delle molte protesi usate dai tanti veterani della guerre di Afghanistan ed Iraq.

Protesi Purtroppo non ci è voluto molto a scoprire che il livello tecnologico della maggior parte delle protesi non era assolutamente in linea con gli ultimi progressi scientifici e questo anche a causa del modello di business chiuso e prorietario, che ruota intorno alla produzione e vendita delle protesi.

Ecco quindi spontaneamente l'idea di promuovere il modello open-source per il settore delle protesi con la diffusione di idee innovative in materia.

Qualcuno ancora dubita della capacità di propagazione (virale) del modello open-source?

Inserito il 29 di luglio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Browser per ipovedenti

Un add-on di Firefox trasforma il browser in uno strumento ottimizzato per le persone ipovedenti.

LightHouse è una famosa organizzazione non-profit con sede a New York e dedita alla ricerca ed assistenza a favore di persone ipovedenti.

LowBrowse è stata recentemente sviluppata da LightHouse con l'intento di fornire una navigazione Web facilitata per le persone ipovedenti (per esempio con meccanismi di zoom e navigazioni ottimizzati).

Lowbrowse La scelta di distribuirla come add-on Firefox consente a LightHouse di raggiungere un'ampia platea di utenti e di non legarsi a particolari piattaforme tecnologiche o sistemi operativi.

Inserito il 28 di luglio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Università di Napoli all'avanguardia in materia di e-learning



Podcast mobile ed interfaccia accessibile per la Federico II di Napoli.

Friendly L'Università degli Studi di Napoli Federico II di Napoli è realmente all'avanguardia in tema di usabilità e di e-learning mobile.

Non solo si è preoccupata di realizzare un'interfaccia maggiormente accessibile (friendly ) - e comunque graficamente accattivante! - per i suoi studenti ma ha attivato un ricco servizio di podcast per tutti quegli studenti che intendono integrare le lezioni con audio e video usufruibili dai loro ipod ed iphone (od altra tipologia di dispositivi mobili).

Inserito il 27 di luglio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

ANNApolitkovskayaVIVA

Un blog in memoria della giornalista russa uccisa osserva gli eventi nell'Europa dell'Est.

ANNAPOLITKOVSKAJAA Anna Politkovskaya è stata una coraggiosa giornalista russa che ha denunciato le atrocità della guerra cecena pagando il suo impegno di giornalista investigativa con la propria vita.

Il blog Anna Viva nasce in sua memoria e per renderle omaggio in una forma che sarebbe forse stata gradita salla stessa giornalista, segue i suoi insegnamenti nel denunciare le ingiustizie
dell'area caucasica.

Inserito il 24 di luglio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Slide all'Opera

La vulcanica azienda norvegese ci permette di creare slide Xhtml standard.

Opera-show L'impegno di Opera nel rispetto delgi standard è noto ed in particolare in riferimento al suo core-business dei browser e dei browser mobili.

Uno dei tanti strumenti online messi a disposizione gratuitamente è l'Opera Show Generator capace di creare slide in xhtml-css che, arricchite di appositi javascript ed immagini personalizzabili, ci consentono di creare slide graficamente apprezabili ed al tempo stesso rigorosamente standard.

Inserito il 23 di luglio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Nuovo validatore per l'accessibilità Web

Dal Canada giunge un nuovo strumento per valutare l'accessibilità dei siti Web.

La piattaforma di strumenti di atutor si arricchisce di AChecker: un nuovo validatore per l'accessibilità Web capace di fare analisi rispetto a standard internazional,  ma anche rispetto alla normativa italiana (per gli utenti registrati).

Atrc Apparentemente sembra essere una variante del vaildatore dell'ATRC : un valido aiuto per alleggerire il gravoso carico di un'analista dell'accessibilità Web, ma troppo spesso vittima di bug di funzionamento o di temporanee disattivazioni.

Inserito il 22 di luglio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Il Web e l'Opera del Duomo di Firenze

Gli anni della costruzione della Cupola del Duomo di Firenze ono saccessibili online.

Duomo Vent'anni (ed un morto) ci sono voluti per costruire il Duomo di Firenze; e se si pensa a quante morti bianche vengono registrate tutti gli anni in Toscana e tributate allo sviluppo tecnologico nei tempi moderni, le riflessioni certo non mancano.

Tutti i documenti ed i disegni dell'Opera di Santa Maria del Fiore nel periodo di costruzione del Duomo di FIrenze 1417-1436 sono ora pubblicati online.

P.S.
dal sacro al profano di questi tempi conviene anche dare una occhiata alla ricotruzione della mitica maglia di firenze del 1926... ;)

Inserito il 21 di luglio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Ask si butta sulle corse di auto

La sponsorizzazione delle auto da corsa americane sta dando buoni frutti ad Ask.

Il motore di ricerca statunitense Ask è rimasto molto soddisfatto dai risultati emergenti dalle sponsorizzazioni di Nascar per le gare automobolistiche degli States ed è fortemente intenzionata a rinnovare l'accordo di sponsorizzazione che sembra aver contribuito al recente trend positivo di uno dei più intraprendenti motori di ricerca nel mondo.

Nascar Le metafore sull'operazione si sprecano.

Inserito il 20 di luglio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Italia.it? Rimandato a settembre

Piccoli passi in avanti e lacune del nuovo portale ufficiale del turismo italiano.

Giocare al tiro al bersaglio sarebbe troppo facile; ed allora diciamo subito che italia.it nella sua versione attuale di beta è un passo in avanti rispetto all'obbrobrio della scorsa edizione.

Detto ciò non mancano numerose lacune fra le quali:

Accessibilità.
Italia-it1 Fallito l'obiettivo sia sotto il profilo formale (non passa la validazione del W3C attualmente) e sostanziale (alternative non significative per molte immagini ospitate sul sito Web).
Soprattutto la frase "La home page e le altre pagine del sito promozionale turistico sono state realizzate cercando di rispettare tutti i 22 requisiti tecnici contenuti nel Decreto del Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie dell'8 luglio 2005" è l'ennesima dimostrazione che neanche i progetti più blasonati e finanziati riescono a rispettare gli esigenti requisiti formali della Legge Stanca.
A proposito di persone disabili, non emergono dal portale informazioni su percorsi di turismo accessibile.

Questione linguistica.
Mancano all'appello alcune fra le lingue più parlate al mondo (per esempio cinese) ed alcune fra le lingue (per esempio il russo) di popoli che negli ultimi anni hanno dimostrato un interesse crescente per il nostro paese. Inoltre, dato che molte informazioni offerte attingono da fonti informative esterne, sarebbe stato interessante vedere un'applicazione di qualche API di servizi di traduzione online (ve ne sono molte a disposizione, a cominciare da Google o Yahoo!) per tradurre i risultati dei motori di ricerca collegati alle risorse esterne.

Italia-it2 Web mobile.
Testato su diversi emulatori per dispositivi mobili, emerge una problematica di corretta fruibilità dagli smartphone: è possibile che non sia pensato di soddisfare le esigenze di utenti in mobilità per un portale dedicato ai turisti?

SEO.
Molte sezioni interne non sono ottimizzate per essere maggiormente visibili e reperibili dai motori di ricerca, oggi la porta principale per essere visibili online.

Usabilità.
L'utilizzo di alcuni strumenti di navigazione, a cominciare da quello dei tour virtuali, è tutto fuorchè intuitivo; il motore di ricerca interno non consente una selezione ragionata in presenza di risultati di ricerca numerosi (vedete cosa succede a cercare "eventi Roma" per esempio) .

Meteo.
Le informazioni metereologiche offerte sono le più affidabili in Rete, ma manca totlmente una fotografia delle situazioni meteo in tempo reale.

Che dire? Rimandato a settembre! ...sperando nel frattempo che le ingenti risorse messe a disposzione del progetto vengano impiegate in maniera più efficace.

Enrico Bisenzi

Inserito il 18 di luglio 2009
Permalink | Commenti (2) | TrackBack

Pubblicità