dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« dicembre 2008 | Main | febbraio 2009 »

Il mondo sotto gli occhi (del Web)

Online è disponibile uno strumento statistico capace di seguire l'evoluzione del pianeta.

I servizi Web assomigliano sempre più spesso a immaginifici e potenti vasi di pandora: è il caso di World Meters che dà la possibilità di seguire in tempo reale l'evoluzione anagrafica, ma anche quella economica del nostro pianeta.

World Inevitabili e serie le riflessioni, quanto meno ecologiche, a cui induce questo intrigante servizio Web 2.0...

Inserito il 30 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Anche Al Jazeera è Creative Commons

Un altro attore importante della scena mediatica internazionale sposa il modello Creative Commons.

Fa impressione che anche una delle televisioni più popolari al mondo - Al Jazeera - abbia creato un apposito Creative Commons Repository. Anche il Presidente Usa Obama ha scelto le licenze CC.

Cc Solo in Italia non si ha il coraggio (o l'intelligenza?) di seguire la naturale evoluzione della comunicazione digitale.

Leggi: Google Italia promuove il Fair Use

Inserito il 29 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Web e dislessia

La dislessia è un fenomeno molto diffuso di cui i webmaster dovrebbero tenerne conto: ecco come.

Dyslex Disturbi dell'apprendimento e della capacità di lettura e concentrazione come la dislessia sono molto più comuni di quanto si possa immaginare, soprattutto fra le giovani generazioni, e basta farsi una chiacchierata con qualche maestra elementare per rendersene conto.

Sempre da Accessites.org - l'arte dell'accessibilità - un how-to molto utile (anche se rigorosamente in inglese) per realizzare un sito Web accessibile alle persone dislessiche.

Inserito il 28 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Ecco il video-vocabolario dei gesti

Grazie ad Internet e all'inventiva dei ricercatori americani, è ora possibile decifrare il significato dei gesti che accompagnano un modo di comunicare.

ASL_LEXICON Ricercatori dell’Università di Boston stanno lavorando per mettere a disposizione sul Web uno speciale vocabolario che potrà essere consultato da chiunque vuole conoscere il significato di un gesto fatto con le mani per comunicare o rafforzare un concetto espresso a parole.

Sarà sufficiente una webcam ed una query su Internet per mettere alla prova questo vocabolario multimediale che ovviamente si basa principalmente sulle diverse lingue dei segni attualmente utilizzate dalle persone sorde per comunicare a gesti.

Inserito il 27 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Web a misura di bambino

Un'estensione di Firefox consente di far navigare in maniera sicura i più piccoli.

KidZui  è un add-on di Firefox che predispone la navigazione Web secondo le esigenze dei più piccoli.

Bambini-e-web Accessibile dopo una veloce procedura di iscrizione (comunque gratuita) permette di personalizzare le navigazioni Web escludendo tutti i contenuti xxx e, anzi, orientando l'attenzione del piccolo navigatore verso servizi pensati a misura di bambino.

Inserito il 26 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Motore di ricerca sulla net reputation

Nasce un motore di ricerca capace di svelare il grado di net reputation delle persone più chiacchierate del momento.

Net-reputation La reputazione sul web, ed in particolare sulle piattaforme di social networking,- la cosiddetta net reputation - è una preoccupazione di molti personaggi della vita pubblica.

Per tutti gli interessati c'è ora a disposizione una sorta di meta-motore sulla net-reputation capace di interrogare tutte le principali fonti internazionali di social networking alla ricerca di eventuali gossip e chiacchiere online.

Inserito il 23 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Ad ogni Presidente il suo robots

Sorprendente come il robots.txt di Whitehouse.gov sia cambiato appena un minuto dopo il giuramento di Obama.

Robots Durante l'era Bush il file robots.txt della Casa Bianca ovvero l'indicazione tecnica da dare ai motori di ricerca, per evitare di indicizzare particolari file e cartelle di un sito web, era un file molto complesso che includeva per esempio le seguenti directory:

Disallow: /911/response/text
Disallow: /climatechangefactsheet/text
Disallow: /firstlady/photos/text
Disallow: /g8/print/text
Disallow: /g8/text
Disallow: /government/card/text
Disallow: /government/fbci/FBCI-summit/text
Disallow: /government/fbci/guidance/text
Disallow: /government/fbci/text
Disallow: /government/handbook/text
Disallow: /government/images/text
Disallow: /government/photoessay/intern/text
Disallow: /government/print/text
Disallow: /government/test/text
Disallow: /government/text
Disallow: /september11/text
Disallow: /september11/video/text

In contemporanea alla cerimonia di insediamento di Obama ha fatto la sua comparsa sul sito Web un robots.txt molto semplificato che escludeva dal crawling dei motori una sola cartella tecnica di gestione:

User-agent: *
Disallow: /includes/


Una metafora delle differenti politiche di immagine fra ex e nuovo presidente Usa. Ed una conferma di come l'establishment politico dia sempre più importanza al funzionamento dei motori di ricerca.

Inserito il 22 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Allarme server via email e Sms

Un servizio comodo e pratico consente di essere avvisati nel caso in cui un server Internet smetta di funzionare.

Server Il pensiero fisso di ogni sistemista, ma anche di tutti coloro che godono di un servizio Internet, è quello di sapere se il proprio prezioso server sia funzionante ovvero sia immune da un famigerato down.

Grazie a Monimi è possibile ora essere avvisati via email ed addirittura via Sms, tutte le volte che accade un server down.

Inserito il 21 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Comunicare l'accessibilità Web

L'Ordine dei Giornalisti comunica agli iscritti che il sito è stato rinnovato ed è anche accessibile secondo i criteri della Legge Stanca. L'Ordine dei Giornalisti ci ricorda però come abbiamo perso clamorosamente la battaglia culturale sull'accessibilità Web.

Il sito Web dell'Ordine dei Giornalisti espone in evidenza un menù a tendina con le due opzioni predefinito-accessibile e sovrastato dalla scritta:

Accessibilità
In accordo alla Legge Stanca n.4/2004

I giornalisti italiani hanno raggiunto lo scopo di trasmettere ai più che il sito Web del loro ordine - per altro oggetto di un decoroso restauro - è stato reso accessibile alle persone con disabilità.

Purtroppo così non è: non solo perchè manovrando sulle due opzioni della tendina il sito Web rimane immutato; inoltre, se si va a verificare anche il solo primo dei ventidue requisiti normativi italiani, si scopre che il sito Web non rispetta la validazione della grammatica formale pubblicata incappando in ben 38 errori.

OdgMa c'è di più: il rispetto della normativa italiana dovrebbe essere dichiarato esponendo un bollino, che manca. Inoltre la validazione del codice non è stata rispettata.

L'accessibilità continua a rimanere un obiettivo mancato prima di tutto sotto un profilo culturale: mentre il Web 2.0 ci circonda e ci strizza l'occhio, invitandoci a dare voce all'utenza finale, ascoltando eventuali apprezzamenti, ma anche critiche e suggerimenti, i siti web di enti pubblici e privati di una certa autorevolezza continuano a rincorrere goffamente standard, vantando requisiti che invece sono stati elusi.

Italia.it saprà sorprenderci o sarà l'ennesima conferma di un'Italia dei bollini finti o inutili, e delle occasioni perse?

Enrico Bisenzi

Inserito il 20 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Mail Art: a volte ritornano

Un omaggio ad una forma artistica che fra pochi anni rischia di sparire o magari di essere reinterpretata dal Web 2.0.

Letter Harriet Russel si è divertita a cavallo fra gli anni '90 e 2000 a spedirsi delle cartoline scrivendo l'indirizzo di destinazione nelle maniere più bizzarre ed impossibili (anche in forma Braille) e malgrado ciò registrando una percentuale di arrivi delle cartoline superiore al novanta per cento.

Un vanto per la Royal Mail, ma soprattutto una riprova di come la Mail art (che pure ha ispirato tanti artisti in Italia a partire da Vittore Baroni ) rimane una preziosa ed originale fonte di ispirazione per i giovani artisti che hanno l'arduo compito di trasmettere questa inventiva con le nuove tecnologie.

Inserito il 19 di gennaio 2009
Permalink | Commenti (1) | TrackBack

Pubblicità