dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« ottobre 2008 | Main | dicembre 2008 »

Wordpress e l'accessibilità Web

Ecco come la più comune piattaforma per blog può essere utilizzata in senso accessibile.

Wheelchair Wordpress è un comune e potente strumento per realizzare velocemente blog o altri siti di tipo Cms (content management system).

Un famoso sito (in inglese) sull'accessibilità Web spiega come utilizzare Wordpress per realizzare un sito Web rispettoso delle più recenti raccomandazioni del W3Consortium sull'accessibilità Web.

Inserito il 28 di novembre 2008
Permalink | Commenti (1) | TrackBack

Il Deep Web rimane il lato oscuro di Internet

Un motore di ricerca promette di scavare nel misterioso Deep web, ma si rivela ancora una volta una promessa mancata.

Deepdyve Deep Dyve  è una beta e quindi non merita un giudizio del tutto negativo, ma sta di fatto che la promessa di scavare nel deep web ovvero in quelle porzioni di Internet che normalmente sono sottratte agli occhi dei motori di ricerca, è una chimera.

Vi è il consueto problema di questi strumenti di ricerca di essere legati quasi esclusivamente alle fonti di lingua inglese, inoltre - da alcune prove effettuate sul campo - i risultati trovati sono alla portata dei comuni motori di ricerca. Nessuno scoop, almeno per ora.

Inserito il 27 di novembre 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Etimologia del Web 2.0

Indaghiamo sulle origini dei nomi dei servizi Web 2.0 e non solo, che usiamo quotidianamente.

GoogleAndroid Le origini dei nomi dei brand tecnologici più trend del momento hanno fatto il giro del mondo suscitando curiosità ed interesse.

Fra i più curiosi Twitter, chiamato così per ricordare la maniera di comunciazione dei volatili: brevi scoppiettii di informazioni, tutti cinguettano, e hanno un momento piacevole.

Poca fantasia in casa Microsoft per Windows 7 essendo il settimo rilascio, così come per Mac OS X che allude alla decima release del sistema operativo di casa Apple.

Android deriva dall'acquisto di una start-up da parte di Google - la Android Inc. - per lo sviluppo di software per cellulari.

Per Red Hat invece una doppia origine: da una parte richiama il valore simbolico del colore simbolo di liberazione e sfida all'autorità, ma anche per via di un'acconciatura universitaria portata spesso dal co-fondatore di Red Hat, Marc Ewing.

Inserito il 26 di novembre 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Screen-reader gratuito con Firefox

Acquista credibilità ed autorevolezza un'estensione di Firefox che offre gratuitamente uno strumento equivalente alla funzione di screen-reader.

Clc Gli screen-reader sono degli strumenti indispensabili per le persone non vedenti in quanto cercano di interpretare ciò che c'è a schermo (di testuale, essenzialmente) riproducendolo come output audio o braille.

Purtroppo gli screenreader più professionali hanno anche dei costi notevoli: è importante quindi che l'estensione per Firefox FireVox stia acquistando credibilità ed autorevolezza, dato che può essere equiparata come funzionalità ad uno screenreader.

Gratuito e multipiattaforma questo add-on di Firefox promette di non avere grandi difficoltà nell'interpretare pagine dinamiche e persino formule dinamiche, supportando tutti gli standard più recenti quali WAI-ARIA, AxsJAX e CSS3 Speech Mode.

Inserito il 25 di novembre 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Dimmi come ti chiami e ti dirò che faccia hai

Grazie ad un curioso strumento online, è ora possibile dare un volto a un nome o a un soprannome.

E' sicuramente un gioco e niente più, ma è divertente immaginare una logica fra nomi e soprannomi famosi (oppure noti a noi soltanto) e le faccine grafiche che vengono generate di conseguenza da Turn your name into face.

Ogni testo digitato viene convertito in un avatar fra centinaia di migliaia di possibilità, associando caratteri a numeri e quindi ai lineamenti del volto.

Inserito il 24 di novembre 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

La Nasa alle prese con la memoria digitale

La memoria è un pugno di polvere lunare che rischia di scivolare dalle dita supertecnologiche della Nasa.

Nasa Il problema della memoria digitale si presenta sempre più spesso e con le modalità più disparate.

La difficoltà di reecuperare dati memorizzati su formati non standard e leggibili da apparecchiature informatiche non più disponibili, è emerso drammaticamente all'interno degli ambienti della Nasa quando si sono resi conto che alcuni nastri magnetici con importanti informazioni sulla polvere lunare possono essere estrapolati solo da vetuste macchine IBM 729 Mark V.

Sfogliare il docmuneto in Pdf del 1967 sugli standard per registrare i dati sulla polvere lunare ci fa immergere in maniera affascinante nel problema della memoria digitale; ma anche costituisce una doccia fredda per chi ancora non si rende conto - che se non si sceglie di abbracciare la filosofia dell'Open Source e della tecnologia retrocompatibile... - linguaggi, dati e memoria degli ultimi decenni rischiano in un futuro prossimo di essere persi.

Inserito il 22 di novembre 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Ubuntu Plus

Realizzata da una scuola italiana, ecco una distribuzione plus di Ubuntu con il meglio del software libero preinstallato.

Ubuntu_plusL'Istituto di istruzione secondaria E. Majorana di Gela ha realizzato una versione plus di Ubuntu 8.10 con il meglio degli applicativi Gnu/linux pre-installati, spesso assenti dalla versione standard.

Pacchetti in lingua italiana comprendenti l'ultimissima versione di Open Office 3, ma soprattutto software di grafica ed audio-video nonchè software di uso comune come Flash, Java, Google Earth e Skype.

Inserito il 19 di novembre 2008
Permalink | Commenti (3) | TrackBack

Visioni future

Per immaginare il futuro, occorre ogni tanto poterlo vedere. Vediamo perché.

Un immaginifico video su YouTube ci proietta in uno scenario futuro che ci aspetta, sempre più condizionato dalle nuove tecnologie: la Cina diventerà il primo paese al mondo per la lingua inglese parlata, i dieci lavori più richiesti nel 2010 saranno professioni del tutto nuove, che proprio non esistevano nel 2004, il paese con la più alta penetrazione di Internet saranno le Bermuda, mentre gli USA sono solo al diciannovesimo posto, ogni mese Google processerà oltre 31 miliardi di interrogazioni (prima dell'avvento di Google a chi-cosa venivano rivolte le stesse domande?), la Radio ci ha messo 28 anni a raggiungere un'audience di 50 milioni di persone, mentre la TV 13 anni ed Internet solo 4 per raggiungere la stessa audience. Per finire: nel corso della durata (neanche 5 minuti) del video su YouTube, ci sono stati oltre seicentomila download illegali di musica online.

Secondo voi, dove ci porterà questo caos informativo?

Inserito il 18 di novembre 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Colpo di mano sui motori argentini

Numerose modelle argentine e persino Maradona, sono stati esclusi dagli indici dei motori argentini: a chi giova?

Complice un regime giuridico più rigido di quello -  per esempio - europeo o nordamericano, alcuni studi legali hanno vinto la battaglia per escludere degli indici locali di Google risultati attinenti a talune modelle argentine e dagli indici locali di Yahoo! nientedimeno che i risultati attinenti a Maradona.

Curioso come si possa considerare una vittoria, quella di sparire da alcuni fra i principali accessi all'informazione dell'era contemporanea. D'ora in poi, accanto alla cyber-censura cinese, dovremo parlare di Effetto Maradona sui search engine in Argentina. Chi ha preso di tacco, chi?

Inserito il 17 di novembre 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Ricerca da tastiera

Un esperimento di Google punta a rendere maggiormente accessibile la ricerca sul Web.

Shot_axsGoogle è una fucina di esperimenti non solo per ipotizzare nuovi modi di cercare sul Web, ma anche per rendere maggiormente accessibili le medesime a persone con disabilità come le persone non vedenti.

Accessible View è uno di questi esperimenti che facilita la navigazione fra i risultati delle ricerche su Google con il solo uso della tastiera (il mouse, come è noto, non è usabile da persone non vedenti oppure da persone con gravi disabilità agli arti superiori).

Come tutte le applicazioni basate su ARIA è necessario avere Firefox 3 per usufruirne in maniera ottimale.

Inserito il 14 di novembre 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Pubblicità