dicembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Creative Commons License

« febbraio 2008 | Main | aprile 2008 »

Toc-toc: chi bussa alla mia porta Web?

Curioso servizio di statistiche che permette di visualizzare in tempo reale i visitatori di un sito Web.

LlooggLoogg è un servizio di statistiche che permette - tramite un iframe - di visualizzare in tempo reale chi sta visitando il nostro sito Web.

Più divertente che utile, è comunque efficace per comprendere le potenzialità del cosiddetto Web Analytics.

e

Inserito il 28 di marzo 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Il cerca community

Un valido strumento per individuare le discussioni in Rete sull'argomento preferito è il cerca community.

TwingE' un motore di ricerca beta e predilige scandagliare risorse in lingua inglese. Una volta c'era il cerca persone, oggi, nel Web 2.0, nasce il cerca community online.

Twing si rivela essere molto utile per ricercare post, topic e forum sugli argomenti più disparati.

Inserito il 27 di marzo 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Google Sì Google No, le alternative ci sono

Perché è utile continuare ad usare Google ma anche perché è importante conoscere le alternative esistenti (e/o magari contribuire a costruirle).

HacklabfiUna HackNight organizzata dall'Hacklab di Firenze si svolgerà il 16 aprile dalle 21:00 sulle alternative esistenti a Google per sopravvivere al meglio nel mare magnum dell'infosfera che ci circonda.

Inserito il 26 di marzo 2008
Permalink | Commenti (1) | TrackBack

Safari 3.1 provato sul campo

Il browser di casa Apple si rivela un prodotto ancora troppo giovane per competere con i suoi agguerriti concorrenti come Firefox, Internet Explorer e Opera.

Safari31Il rilascio di Safari 3.1 ha suscitato molta curiosità ed interesse, ma la prova sul campo del browser per Windows dimostra - come di seguito riportato - che è un prodotto abbastanza lontano dagli standard di qualità del resto dei suoi concorrenti (Opera, Firefox ed Internet Explorer).

Nella fase di installazione non richiede di importare bookmark, cronologia ed altre informazione presumibilmente utili dagli altri browser, anche se ovviamente consente di farlo una volta lanciato l'applicativo.

Safari32La grafica dell'interfaccia è accattivante e la navigazione dell'utente finale è indotta verso i maggiori fornitori di informazioni internazionali e nazionali (Google e Corriere della Sera per fare un esempio).
Le funzioni tanto pubblicizzate di riempimento automatico dei moduli e di SnapBack non si rilevano poi molto utili.
La presunta comodità del riempimento moduli si scontra inevitabilmente con le identità multiple che un navigatore online possiede nella maggior parte dei casi.
La funzionalità SnapBack merita un piccolo approfondimento.
Se non si capisce bene di cosa si tratta e si apre la guida di Safari, si può scoprire che la funzione Cerca della guida non funziona, dimostrando tratti di ingenuità e di immaturità di questo applicativo.
Dall'indice della stessa guida si scopre comunque che Safari consente di contrassegnare alcune pagine web dal Menu Cronologia come pagine SnapBack. Quando una pagina viene contrassegnata come SnapBack, è possibile tornare rapidamente al suo interno dopo aver aperto altre pagine. Una sorta di funzione di attestazione di capofila di alcune pagine Web, la cui utilità sembra sinceramente sovrastimata.

Safari33 Comoda è invece la funzione di copiare (per esempio con il click destro) un'immagine della pagina Web in visione così come la correzione ortografica che può giovarsi anche di un dizionario italiano (si rivela peraltro poco affidabile la correzione grammaticale).

Safari34Soprattutto, Safari rimane veramente molti passi indietro rispetto ai suoi concorrenti relativamente ad alcune funzioni speciali di navigazione quali la capacità di zoom delle immagini che oramai è presente in tutte le nuove release di tutti i browser in circolazione ed assente appunto in Safari.
L'immaturità del prodotto e la mancanza di plugin che rappresentano oramai il plus-valore dei browser in circiolazion,e a cominciare da Firefox, rendono Safari un prodotto meritevole di attenzione, ma ancora anni luce lontano dal competere con i suoi diretti concorrenti.

Inserito il 26 di marzo 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Egemonia culturale dei motori di ricerca

L'impatto culturale dei motori di ricerca continua ad essere un problema non affrontato dalla classe politica italiana ed europea.
Bell
L'oligopolio di Google-Yahoo!-Msn nel mondo Occidentae non è solo un problema di occasione economica persa per le istituzioni di ricerca-universitarie e per le aziende italiane ed europee, ma anche un problema di egemonia culturale per tutti noi.

Esempio singolare, ma significativo, è stata la ricorrenza dell'invenzione del telefono che viene attribuita da Google a Bell celebrando nei primi giorni di marzo l'esposizione del logo che celebra il deposito del relativo brevetto.
Peccato che Meucci durante la sua vita travagliata (coinvolto nei moti rivoluzionari del 1831 fu imprigionato a causa delle sue convinzioni politiche) arrivi ben prima di Bell all'invenzione di un prototipo del telefono (1854) e che solo per difficoltà economiche perde la battaglia legale con Bell.
Non è un problema di orgoglio nazionale bistrattato: l'11 giugno 2002 il Congresso degli Stati Uniti stesso riconosce che il lavoro di Meucci nell'invenzione del telefono debba essere riconosciuto, ma rimane un esempio di come la storia possa essere manipolata da parte di chi l'ha scritta negli anni sulla base di una posizione economica privilegiata e non grazie ad una maggiore creatività intellettuale.

Tutto ciò è accaduto spesso nei secoli passati passati nel campo delle invenzioni e dei brevetti ma realizzare nel 2008 che i motori di ricerca d'oltreoceano danno il loro apporto di modernità non per un miglioramento della conoscenza a livello mondiale, ma per ribadire un cultural divide che alla fine dei conti è solo e sempre economico dovrebbe far riflettere i politici nostrani sull'opportunità di creare efficienti e funzionali motori di ricerca quanto meno di caratura europea.

Inserito il 21 di marzo 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

La Pubblica Amministrazione aperta e libera

La Seconda Conferenza sulla Pubblica Amministrazione aperta e libera si terrà a Pula (Cagliari) il 17 e 18 aprile 2008.

LogopaalMentre la prima giornata di PAAL 2008 sarà incentrata sulle tecnologie aperte e l'adozione di piattaforme per contenuti digitali standard nella PA, la seconda giornata vedrà una sessione unica con l'obiettivo di fornire ai partecipanti una visione completa sulle tematiche relative ai Digital Rights Management o Drm, alle problematiche legate alla circolazione di contenuti digitali di varia natura e la gestione dei diritti d’autore, in base alla normativa attuale italiana ed europea ed alla sua evoluzione.

Inserito il 20 di marzo 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Europeana si presenta

La Biblioteca digitale europea ha lo scopo di fornire accesso al patrimonio europeo culturale e scientifico attraverso un unico portale trasversale.

photographer TuscanyEuropeana offirà da novembre 2008 contenuti digitali da archivi, musei, collezioni audio-video, biblioteche europee. Userà carte, manufatti, foto, suoni, film, libri, documenti d’archivio e opere d’arte per esplorare due millenni di legami e interconnessioni fra le città europee.

Inserito il 19 di marzo 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Blog libera Tibet

Quasi alla vigilia delle Olimpiadi di Pechino esplode su Internet la solidarietà pro Tibet.

TibetGli studenti tibetani lanciano l'allarme sulla repressione cinese contro le sommosse in Tibet e subito esplode il tam-tam di solidarietà sui blog: riuscirà tutto ciò a smuovere la sensibilità dell'opinione pubblica e degli atleti che dovrebbero partecipare alle olimpiadi cinesi?  Intanto la Cina supera gli Usa per numero utenti online, ma blocca YouTube.

Inserito il 18 di marzo 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Open Source, innovazione e creatività alla Sapienza

Ecco un'occasione per conoscere la storia e l'evoluzione del free software, e delle licenze alternative al copyright, le Creative Commons che hanno rivoluzionato la comunicazione digitale nell'era del Web 2.0.

SapienzaUn convegno gratuito e aperto al pubblico, avrà luogo il 18 marzo dalle 10:00 alle 14:00 presso il Centro congressi d'Ateneo della Sapienza a via Salaria 113, Roma.
Durante l'incontro sull'open source verrà presentato il film La Repubblica del Software, con interviste a Richard Stallman, Bruce Perens, Renzo Davoli, Salvatore Tucci, Wikimedia, Pietro Folena, Vincenzo Vita, Flavia Marzano, Hacklab Cosenza, Erica Litrenta, Vittorio Pagani.

Inserito il 17 di marzo 2008
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Firefox 3 Beta 4 provato sul campo

Firefox può ambire a diventare un brower popolare. Ecco perchè.

Firefoxbeta3a_2 L'interfaccia è semplice, l'usabilità del software è migliorata decisamente, le funzioni avanzate si allineano alle massime prestazioni oggi sul mercato.

E' possibile installare la Beta 4 di Firefox 3 mantenendo la precedente versione di Firefox attiva mentre non è stato possibile portarsi dietro i componenti aggiuntivi (plugin) installati nella precedente versione.
Questa è l'unica pecca (peraltro dovuta alla versione beta del browser) a fronte dei molti miglioramenti qui di seguito riportati.

Urlbeta3Molto comoda è la funzione grazie alla quale si può digitare l'inizio di una stringa sulla barra degli indirizzi per vedere comparire tutte le pagine in tema: per esempio digito access e mi compaiono tutte le pagine che hanno a che vedere con accessibilità visitate recentemente.
Un ulteriore aiuto per la navigazione è rappresentato dal pulsante Segnalibri Smart che consente di reperire velocemente i siti Web più visitati ma anche quelli visitati ultimamente.
L'opzione della cronologia Schede chiuse di recente aiuta invece a ritrovare pagine web chiuse accidentalmente.

Permessibeta3Attivando le info sulla pagina è possibile gestire i permessi per ogni sito Web rispetto ai cookies, caricamento estensioni ed immagini, pop-up, offrendo l'opportunità all'utente finale di limitare la banda e le funzionalità a siti Web troppo pesanti o poco sicuri.

Sul versante accessibilità è impressionante la funzione di zoom della pagina capace ora di ridimensionare anche le immagini oltre al testo ed adattare il tutto al meglio del layout della pagina (Firefox si allinea così a Opera che ha attivato questa funzione da anni).

L'anteprima di stampa, infine, è stataottimizzata permettendo di verificare come e cosa venga stampato di ogni pagina Web visualizzata, scegliere se stampare anche le immagini di sfondo oppure adattare il layout alle esigenze di stampa.

Inserito il 15 di marzo 2008
Permalink | Commenti (2) | TrackBack

Pubblicità